BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu terreni agricoli e non 2015: scenari, ipotesi, cosa può accadere per scadenza lunedì 26 Gennaio pagamento.Conferma o no attesa

Quali gli scenari per pagamento Imu su terreni agricoli che potrebbero aprirsi dopo decisione Tar di oggi: le possibilità e novità




AGGIORNAMENTO:  Il Tar ha confermato il pagamento dell'Imu 2014-2015 sui terreni per il 26 gennaio 2015 per i terreni agricoli e non, per i comuni montani e non, senza nessuna ulteriore proroga e con le stesse regole, calcolo, detrazioni, deduzioni ed esenzioni indicate nel decreto legge ufficiale.
A questo punto cosa succede? Si deve pagare? Quali sono le novità e le prospettive possibili? Lo abbiamo spiegato in questo articolo al seguente link diretto

 

Dovrebbe arrivare oggi, mercoledì 21 gennaio, la decisione del Tar del Lazio che deve pronunciarsi sul pagamento dell'Imu sui terreni agricoli. La data di scadenza per il versamento è prevista per il 26 gennaio ma potrebbe esere ancora posticipata o anche sospesa del tutto. Si tratta di decisioni importanti ma che il Tar potrebbe decidere anche di rimandare al prossimo 4 febbraio.

Si tratterebbe di un'ennesima proroga che servirebbe per avere più tempo per ridefinire i parametri di esenzione del pagamento Imu. L’idea è quella di non far pagare l’Imu ai proprietari dei terreni montani e prevedere esenzioni solo per i terreni di coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali situati in Comuni Comuni classificati come parzialmente montani. I proprietari di terreni situazioni in Comuni non montani pagherebbero invece regolarmente la tassa.

Se, dunque, la decisione di oggi del Tar fosse positiva, significa che non si pagherà l’Imu sui terreni ma il governo dovrebbe pensare a misure per recuperare le risorse necessarie, che secondo i calcoli avrebbe dovuto garantire l’Imu sui terreni agricoli, per finanziare la copertura del bonus di 80 euro per i dipendenti pubblici; se, invece, la decisione fosse negativa, confermando il pagamento Imu, ci si dovrà preparare ad un nuovo ricorso per il prossimo mese di febbraio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il