BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu terreni agricoli e non 2014-2015: scadenza 26 Gennaio non può essere valida e ufficiale. Tutti i motivi e le ragioni

Si attende ancora la decisione del Tar del Lazio sul pagamento Imu sui terreni agricoli: cosa potrebbe succedere, previsioni e novità eventuali




AGGIORNAMENTO: Il Tar ha deciso che la scadenza è il 26 Gennaio 2015 e non ci saranno proroghe. E che il calcolo, le regole della detrazioni e delle esenzioni devono rimanere uguali a quelle decise in precedenza dal Governo. I problemi, comunque, rimangono come abbiamo scritto nell'articolo sottostante

Cresce l’attesa per la decisione del Tar che oggi dovrebbe decidere quale sarà il futuro del pagamento Imu sui terreni agricoli. Si tratta di definire una situazione che al momento risulta ancora parecchio confusa e che continua a creare non poche polemiche e malcontenti.

Estendere, infatti, il pagamento dell’Imu anche ai terreni agricoli, che non sono mai stati soggetti a tale imposta, non ha certo suscitato reazioni positive, tanto che il suo primo pagamento, inizialmente in programma lo scorso 16 dicembre esattamente come per tutti gli altri immobili, è stato rimandato al prossimo 26 gennaio.

Ma anche su questa nuova data ci sono ora incertezze: molto dipenderà da cosa oggi deciderà il Tar del Lazio ma anche con una sentenza, non si tratterebbe di una decisione definitiva, e bisognerebbe comunque aspettare annunci ufficiali da parte del Mef o dell’Agenzia delle Entrate, in modo da fornire indicazioni precise e puntuali sulle modalità di calcolo e versamento Imu sui terreni agricoli.

Al Tar del Lazio ha fatto ricorso l’Anci, cioè l’Associazione nazionale dei Comuni italiani, ottenendo l’immediata sospensione del pagamento del tributo ma ora si attesa il giudizio finale. E sono in tanti coloro che pensano che il Tar confermerà la sospensione del pagamento Imu, considerando che il decreto di dicembre ‘determina eccezionale e grave pregiudizio per l’assoluta incertezza dei criteri applicativi’. Tutto, dunque, potrebbe essere da rifare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il