BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu terreni agricoli e non 2014-2015: novità realizzabili e fattibili tra ulteriore proroga 26 gennaio e annullamento totale

Sentenza ufficiale del Tar, ecco cosa può succedere ora. Il pagamento è fissato per il 26 Gennaio 2015, così come le regole e il calcolo, detrazioni ed esenzioni ma gli appelli ad una modifica in extremis sono numerose




Il Tar del Lazio ha confermato che l'Imu sui terreni agricola 2014 si dovrà pagare il 26 Gennaio 2015 con i calcoli e le regole che erano state indicate dal decreto legge n. 66/014.

Quindi, rimangono valide, tutte le detrazioni e le esenzioni che erano state decise e le regole di altezza, assai discusse sui pagamenti, sia per i Comuni montanti che non, sia per i terreni agricoli che per uso differente.

Grande la delusione sia delle associazioni che degli stessi politici, nel giorno stesso che il Governo Renzi aveva confermato dopo un incontro con sindaci, comuni e associazioni che per il 2015 le regole sarebbero state riviste come quelle del 2013 senza i criteri altimetrici e con esenzioni dei pagamenti.

Il problema che il Governo non si è, invece, assolutamente espresso sull'Imu dei terreni agricoli e non del 2014 creando così grande confusione.

A questo punto, si auspica che il governo intervenga con un provvedimento ad hoc, anche perchè gli stessi commercialisti non hanno i software e le tempistiche utili per organizzare il calcolo e i pagamenti.

Il Governo potrebbe provvedere ad una ulteriore proroga, oppure decidere la cancellazione del pagamento attraverso la copertura di circa 400 milioni che al momento si devono ancora trovare, ma che sarebbe la soluzione "relativamente" più semplice.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il