BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità modifiche negative Boeri, Poletti per contributivo, quota 100

Il governo Renzi punta a modificare la riforma pensioni Fornero: novità e interventi previsti da ministro del Lavoro Poletti e presidente Inps




Il governo Renzi punta a modificare la riforma pensioni Fornero, gli interventi più richiesti sono quelli di uscita anticipata per tutti, piani come prestito pensionistico o mini pensione, sistema contributivo per tutti, uscita a quota 100, ma secondo le novità e ultime notizie, il ministro del Lavoro Poletti e il nuovo presidente dell’Inps, Tito Boeri, pur d’accordo con la necessità di introdurre elementi di flessibilità nell’attuale sistema pensionistico, mirano ad altri interventi da attuare prima.

E’ vero che solo qualche settimana fa il ministro Poletti ha aperto alla possibilità di revisione di quei requisiti pensionistici che, in base a quanto previsto dalla legge Fornero, sono destinati a salire dal primo gennaio 2016, dopo che alcuni parlamentari del Pd che hanno chiesto di modificare questa misura distinguendo le categorie di lavorati, ma è anche vero che la priorità del ministro resta quella di riuscire a realizzare quella soluzione strutturale già annunciata mesi fa che cambierebbe le pensioni risolvendo anche una volta per tutte anche il caso esodati.

Boeri sarà invece impegnato innanzitutto con la revisione della governance dell’Inps, chiaramente necessaria per rimettere in sesto i conti dell’Istituito, in forte difficoltà, e rimettere in equilibrio il suo funzionamento. Altro obiettivo per Boeri è quello dell’equità, traguardo che si dovrebbe raggiungere partendo dal ricalcolo contributivo, con aliquote progressive, per coloro che percepiscono trattamenti mensili calcolati in parte con vecchio sistema retributivo. Si tratta di un piano che darebbe la possibilità di ricavare 4,2 miliardi di euro, risorse che Boeri impiegherebbe nella previdenza stessa.

Ad aprire uno spiraglio alla possibilità di approvare uno dei piani di uscita anticipata, quel meccanismo di staffetta generazionale, che rientra nei piani di lavoro dello stesso Boeri e che, grazie a prepensionamenti di lavoratori più anziani, creerebbe nuovi posti di lavoro per i più giovani.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il