BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Partita iva minimi regime nuovo 2015: apertura con regime 2014 migliore e attuale. Come fare seppur meglio aspettare

Avviare una nuova attività con partita Iva: quale regime dei minimi scegliere? Meglio aspettare nuove comunicazioni dal governo. I motivi




Cambia da quest’anno il regime dei minimi 2015, o meglio, dovrebbe. I contribuenti che hanno intenzione di avviare una nuova impresa o attività professionale possono scegliere se aderire al nuovo regime dei minimi, o fino al 31 gennaio possono ancora scegliere di aprire una nuova Partita Iva con vecchio regime, che prevede, per cinque anni o fino al compimento del 35esimo anno di età, un’aliquota di tassazione al 5% per ricavi fino a 30mila euro. Il nuovo regime dei minimi, invece, prevede una tassazione al 15% per compensi tra i 15 e i 40mila euro, in base all’attività professionale svolta.

Secondo quanto comunicato dall'Agenzia delle Entrate ‘Tra i vantaggi che derivano dall’adesione al nuovo regime, nessuna ritenuta d’acconto da applicare ed esonero dal versamento dell’Iva e dai principali adempimenti, come, ad esempio, l’obbligo di registrazione e di tenuta delle scritture contabili. Inoltre nessun limite temporale per la permanenza nel regime e nessun limite di età per accedere. Chi si avvale del regime per avviare una nuova attività, infine, beneficerà di un’ulteriore riduzione di 1/3 del reddito imponibile per i primi 3 anni’.

Ci si chiede, dunque, quale sia il migliore regime cui aderire e se conviene aprire ora una nuova Partita Iva. Considerando il probabile dietrofront del governo sul nuovo regime dei minimi, che lo stesso governo ha definito un errore, e per cui potrebbero arrivare modifiche o proroghe forse sarebbe meglio aspettare.

Rischi anche per chi vuole aprire una partita Iva scegliendo il vecchio regime dei minimi: potrebbe infatti registrarsi una corsa all’apertura di partite Iva in questo mese di gennaio che potrebbe far scattare controlli, ed essere destinatario dicontestazioni da parte del fisco nei prossimi anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il