BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: le poche modifiche fatte vanno contro indicazioni Ue e orientamento mondiale

Come intervenire sulle pensioni italiane dopo le ultime novità: quali le differenza tra pensioni pubbliche e private e quali i cambiamenti necessari




La legge previdenziale e la riforma pensioni Fornero sonoi temi centrali all’attenzione di Ue e governo Renzi soprattutto in queste ultime settimane, e le novità e ultime notizie confermano la necessità di cambiamenti, nonostante le continue resistenza da parte del ministro dell’Economia Padoan, contrario d ogni intervento sulla riforma pensioni Fornero. Il piano è quello di rendere più flessibili le pensioni italiane, anche per dare nuova spinta al mercato occupazionale, ma l’Ue ribadisce la necessità di intervenire sulle pensioni private complementari piuttosto che sulle tradizionali pensioni pubbliche, pur aprendo a modifiche, flessibilità e possibilità di attuare nuove riforme.

Lo scenario cambia considerando intervento su Tfr, aumento delle tasse sulle pensioni, calo della previdenza completare, motivo ancor più significativo per intervenire sulle pensioni pubbliche, tutto il contrario di quello che avviene nel resto del mondo dove la previdenza integrativa è fortemente sostenuta.

Facendo un passo indietro, la nuova Legge di Stabilità ha previsto un aumentato delle tasse su fondi pensioni e Tfr, aumenti che rischiano di ridurre le entrate delle pensioni future o dei risparmi che i lavoratori decidono di investire nella previdenza complementare. Se l’aliquota di tassazione aumenta sui fondi pensione dall’11,5% al 20%, se la tassazione per le Casse previdenziali private sale dal 20 al 26%, chi ha deciso di lasciare il Tfr in azienda, vedrà aumentare la tassazione sulla rivalutazione dall’11 al 17%, mentre chi deciderà di ricevere il Tfr in busta paga, se lo vedrà tassato con l’aliquota Irpef al 23%, senza alcuna agevolazione.

Le novità scoraggiano coloro che hanno intenzione di investire nella previdenza integrativa, ma che piuttosto cercheranno di crearsi un altro tipo di salvadanaio, questo principalmente il motivo per cui si chiedono, al contrario di quanto chiesto dall’Ue, interventi migliorativi per le pensioni pubbliche, altrimenti si rischia di paralizzare il sistema.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il