BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità dichiarazioni Maestri, Poletti, Damiano, Sacconi, Fornero

Reazioni forze politiche e sociali a novità pensioni e decisione Corte Costituzionale proposta della Lega: cosa succederà e nuovi eventuali interventi annunciati




Inizia con i migliori propositi il 2015 per quanto riguarda le novità sulla riforma pensioni Fornero, soprattutto dopo le ultime notizie che riguardano il no della Consulta all’abrogazione della legge, proposta dalla Lega, e le ultime dichiarazioni del ministro del Lavoro Poletti che si è detto pronto a intervenire per cambiare le pensioni con un strumento che riesca ad assicurare flessibilità a tutti e che sia anche di sostegno a lavoratori che a qualche anno dal raggiungimento della pensione perdono il lavoro non avendo né stipendio né assegno pensionistico. L’intervento di Poletti mira ad evitare si crei un nuovo problema sociale e d’accordo con il suo piano diverse forze politiche e sociali.

Il capogruppo Ap del Senato Sacconi pensa che si debba agire ed anche velocemente garantendo flessibilità per tutti a fronte, però, di penalizzazioni; Cesare Damiano  che ad tempo chiede modifiche alla riforma pensioni Fornero, condivide l’annuncio di Poletti, sperando che questa sia la volta buona per passare dalle promesse ai fatti, rilanciando  proposte di uscita anticipata con 62 anni di età e 35 anni di contributi e una penalizzazione massima dell’8 %, o di quota 100, risultato della somma di età contributiva e anagrafica.

Anche il leader Uil, Carmelo Barbagallo, e il segretario generale della Cisl Furlan si dicono d’accordo con gli interventi annunciati dal ministro Poletti e ad intervenire sulla questione pensioni e sulla necessità di modifiche è stata lo stesso ex ministro Fornero, che ha formulato la tanto criticata riforma, e che ora ritiene si possa intervenire per modificarla in termini di flessibilità puntando su soluzioni a costo zero come quella, per esempio, del prestito pensionistico.

Modifiche necessarie alla legge Fornero, importanti soprattutto per dare nuova spinta all’occupazione giovanile, appoggiate anche dalla parlamentare Pd, Patrizia Maestri. Secondo la parlamentare di Forza Italia, Renata Polverini, gli italiani avrebbero dovuto avere la possibilità di decidere da soli sulla riforma pensioni Fornero ma considerando la bocciatura della Corte Costituzionale è bene che ora arrivino risposte in altri termini.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il