BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bollo auto auto 2015 storiche e vecchie di 10-20-30 anni: detrazioni, esenzioni, chi non deve pagare in singole regioni. Calcolo

L'innalzamento a 30 anni del tetto entro il quale pagare il bollo per le auto storiche non viene applicato da tutte le regioni italiane.




C'è il bollo auto da pagare entro il 31 gennaio 2015 per chi è andato in scadenza a dicembre dello scorso anno. E questa volta sono coinvolte anche le auto storiche di 20 anni di età: la legge di stabilità ha previsto il versamento fino a 30 anni di immatricolazione. Ma trattandosi di una imposta regionale, non tutti sono stati d'accordo con questo innalzamento. Il passaggio alla cassa è previsto in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Lazio, Liguria, Molise, Piemonte, Puglia, Umbria e Provincia autonoma di Trento e Valle d'Aosta. Ma la situazione è ancora in movimento.

In parallelo sono differenti le regole e perfino le modalità di pagamento. La prima cosa da fare è procedere al calcolo della somma da pagare. I parametri presi in considerazione per conoscere l'importo da versare sono due: il livello di emissioni e la potenza della vettura. Sul web sono gratuitamente utilizzabili il simulatore online sul sito dell'Agenzia delle Entrate e il calcolatore sul portale dell'Aci. Nel primo caso è possibile conoscere l'importo del bollo auto 2015 anche senza inserire il numero di targa, ma senza conoscere eventuali sanzioni comminate per precedenti ritardi nei pagamenti.

Per quanto riguarda il simulatore dell'Aci, sono presi in considerazione i suoi archivi regionali e provinciali nel caso di Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Lazio, Puglia, Umbria, e delle provincia autonoma di Trento di Bolzano. Per quelli residenti in Lombardia viene eseguito sulla base degli archivi della Regione gestiti da Lombardia Informatica. E ancora, per quelli residenti in Toscana il collegamento è agli archivi della Regione gestiti in autonomia. Infine, per i residenti nelle regioni non convenzionate, il punto di riferimento è l'Archivio nazionale gestito dal Ministero dell'Economia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il