BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu terreni agricoli e non 2014-2015: nuove regole calcolo pagamento 10 Febbraio. Lista comuni e terreni, montani e no esentati

Ecco le nuove regole sul pagamento dell'Imu sui terreni agricoli. C'è tempo fino al 10 febbraio per mettersi in regola con il fisco.




Sono 3.456 i comuni ora esentati totalmente dal pagamento dell'Imu sui terreni agricoli. E altri 655 lo sono in modo parziale. Lo ha stabilito il Consiglio dei ministri riunitosi venerdì appositamente per tale questione. Il governo ha deciso così di applicare il concetto di montagna legale dell'Istat che individua tra i parametri come almeno l'80% del territorio comunale debba posto sopra i 600 metri di altezza. In questo modo sono esclusi dal versamento i terreni agricoli e a quelli non coltivati e quelli posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali e iscritti nella previdenza agricola nei Comuni classificati come totalmente montani.

In parallelo l'ultimo giorno utile per passa alla cassa viene spostato al 10 febbraio 2015. La Coldiretti segna un punto a proprio favore: "Sono stati mantenuti gli impegni assunti a rivedere anche per il 2014 i criteri individuati per la delimitazione dei terreni. Il premier Matteo Renzi e il ministro delle Politiche agricole Maurizio Martina hanno dimostrato grande sensibilità nei confronti di quanti vivono e lavorano nelle aree di montagna, dove svolgono un ruolo di presidio del territorio insostituibile per l'intera collettività".

Il limite di altitudine entro il quale far pagare l'imposta sui terreni agricoli rimane dunque di 600 metri. Nulla è però richiesto ai comuni della provincia autonoma di Bolzano, ai coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, iscritti nella previdenza agricola, ai comuni ubicati a un'altitudine tra 281 e 600 metri, ai coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali che hanno un terreno in comodato o in affitto, ai possessori di terreni a immutabile destinazione agro-silvo-pastorale a proprietà collettiva indivisibile e inuspicabile. Secondo le esenzioni per fasce di reddito reddito, con il valore del terreno tra 6.000 e 15.500 euro si applicano riduzioni pari al 70%, tra 15.500 e 25.500 euro al 50%, tra 25.500 e 32.000 euro al 25%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il