BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Isee 2015: calcolo, istruzioni, compilazione DSU e altri documenti. Casi particolari e regole generali agevolazioni e detrazioni

Il nuovo modello Isee, per come è stato formulato, pone molti dubbi ai richiedenti, che si trovano di fronte a dati già reperiti autonomamente dall'Inps e ad altri elementi da dichiarare nella DSU.




Isee 2015, alcune regole generali

Il nucleo familiare da considerare nel calcolo dell'Isee è composto da tutti i componenti inclusi nello stato di famiglia, al momento della presentazione della Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU), inclusi i figli che risiedono in un luogo diverso e siano a carico dei genitori (purchè non siano a loro volta coniugati e non abbiano figli). Il coniuge e i figli minori, anche se residenti in un luogo diverso, devono essere considerati all'interno del nucleo familiare. Nel caso in cui i genitori si trovino in due nuclei familiari distinti, il figlio può essere ricompreso all'interno di un solo nucleo familiare, che deve essere indicato in maniera preventiva.

Isee 2015, casi particolari

Nel caso in cui all'interno del nucleo familiare ci siano disabili, il dichiarante deve presentare al professionista prescelto i giustificativi delle spese sostenute per la disabilità, che possono essere portate in detrazione. É possibile portare in detrazione anche le spese relative alle badanti, che a differenza di quanto visto in precedenza, non devono essere dichiarate ma vengono inserite autonomamente dall'Inps.

Le detrazioni nell'Isee 2015

A fronte di un aumento dei redditi che confluiscono nell'Isee (a partire da quest'anno anche i redditi esenti da Irpef) sono state modificate anche le detrazioni che diminuiranno il valore dell'indicatore. I locatari potranno portare in detrazione un importo più elevato, fino a 7.000 euro, ulteriormente aumentato in presenza di figli a carico all'interno del nucleo familiare. Per quanto riguarda il patrimonio immobiliare, resta ferma la detrazione per la parte ancora coperta dal mutuo, mentre l'eccedenza verrà ridotta di 52.500 euro, nel caso si tratti di abitazione principale. Il valore da dichiarare, tuttavia, non sarà quello dichiarato in compravendita ma la base imponibile ai fini Imu (rendita catastale rivalutata del 5% e moltiplicata per 160, nel caso di immobile abitativo). Per quanto riguarda il patrimonio mobiliare, a partire da quest'anno il valore da dichiarare è la giacenza media durante l'anno, ridotta di 6.000 euro. Sono previste ulteriori detrazioni per i lavoratori dipendenti, per i pensionati e per i nuclei familiari in cui è presente un disabile.

Compilazione dell'Isee 2015, esordio rinviato

Rispetto al modello previgente, l'Isee 2015 si presenta radicalmente diverso, con una quantità di dati da dichiarare decisamente più elevata, con l'obiettivo finale di ottenere un quadro completo delle condizioni economiche del richiedente e fornire le agevolazioni a chi realmente è in possesso dei requisiti. A causa dell'elevata quantità di dati da dichiarare e della derivante complessità nella redazione della DSU, è in corso un braccio di ferro tra i Caf, che hanno chiesto un aumento dei compensi, e l'Inps.

ISEE 2016: calcolo e compilazione passo passo. Il modello ISEE è un ottimo strumento per ottenere benefici ed esonerei nei pagamenti per alcuni servizi pubblici come la mensa scolastica, il ticket, autotrasporti, università... ecco come compilarlo e quali documenti presentare per le detrazioni

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il