BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2015: disdire abbonamento o detrazioni, esenzioni per pagare meno legalmente entro scadenza 31 Gennaio 2015

Termine di scadenza, regole e modalità di pagamento del Canone Rai 2015: si può pagare anche a rate e chi non ha pagato può usufruire della nuova mini sanatoria




Si paga entro il 31 gennaio il Canone Rai 2015, il cui importo è congelato sulla cifra di 113,50 euro, che si continuerà a pagare solo sul possesso tv e non anche su tablet, smatphone, pc, com’era stato proposto e che deve essere obbligatoriamente pagato anche in caso di mancata ricezione in quanto tassa su apparecchi abilitati alla riproduzione di programmi tv. Gli unici esenti dal pagamento del Canone Rai sono coloro che hanno compiuto 75 anni di età entro il termine di pagamento del canone; o coloro che hanno un reddito che, sommato a quello del proprio coniuge convivente, non risulti superiore complessivamente ad euro 516,46 per tredici mensilità (euro 6.713,98 annui).

Per effettuare il pagamento del Canone Rai 2015 si possono usare, come di consueto, bollettini postali, che devono essere intestati a S.A.T. Sportello Abbonamenti TV- Torino sul c/c 3103; si può pagare in qualunque tabaccheria del circuito Lottomatica, Sisal o convenzionate banca ITB; ed anche tramite credito Visa, Mastercard, Moneta, Aura, Diners o American Express contattando telefonicamente il servizio Taxtel di Equitalia Nord, al numero verde 800.191.191 da rete fissa o allo 02641 61701 da cellulare.

Il canone Rai si può, però anche disdire e non pagare. La disdetta può avvenire solo in alcuni casi specifici come cessione di tutti gli apparecchi tv detenuti o nei casi di rottamazione, furto o incendio degli apparecchi tv detenuti. Nel caso in cui sussistano tali condizioni, per non pagare al gennaio successivo la disdetta deve essere presentata entro il 31 dicembre. Per esempio, per non pagare il Canone entro il prossimo 31 gennaio, bisognava presentare disdetta entro lo scorso 31 dicembre 2014.

Il Canone Rai, oltre che nei casi sopra indicato, si può disdire anche per suggellamento, quando, cioè, si rendono inutilizzabili tutti gli apparecchi detenuti dal titolare del canone tv e dagli appartenenti al suo nucleo familiare presso qualsiasi luogo di loro residenza o dimora. Qualunque sia il motivo per cui si chiede disdetta dal Canone Rai, bisogna presentare un apposito modulo compilato e firmato e da spedire tramite raccomandata con ricevuta di ritorno al seguente indirizzo: Agenzia delle Entrate S.A.T. - Sportello Abbonamenti TV- Ufficio Torino 1 - c.p. 22 – 10121 Torino.

 Per chi ha l’obbligo di pagamento, se non paga entro la data stabilita dovrà versare una sanzione aggiuntiva di 4,47 euro entro il primo mese, che sale a 8,96 euro nei mesi successivi, fino ad una sanzione massima di 619 euro. Il pagamento può essere effettuato in un'unica soluzione entro il 31 gennaio o in rate semestrali o trimestrali, con scadenza fine gennaio e fine luglio se semestrale, o fine gennaio, aprile, luglio e ottobre, se trimestrale.

Con la nuova sanatoria introdotta dalla nuova Legge di Stabilità che permette la cancellazione delle cartelle esattoriali di Equitalia di importo inferiore ai 300 euro anteriori al 2000, tutti coloro che non hanno pagato il canone Rai potranno non pagare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il