BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Buoni fruttiferi postali 2015: nuove emissioni gennaio 2015. Tassi di interessi, rendimenti, condizioni

Investire in buono fruttiferi postali: cosa sono e nuove emissioni gennaio 2015. Le tipologie, chi può sottoscriverle e condizioni




Tornano in questo mese di gennaio 2015 nuove emissioni di buoni fruttiferi postali. Vediamo cosa sono e quali sono le novità di quest’anno. I Bfp rappresentano una categoria di prodotti finanziari che attraggono le famiglie italiane, titoli che garantiscono sempre la restituzione del capitale investito e il pagamento di un interesse periodico. I Buoni fruttiferi postali sono collocati sul mercato dal Gruppo Poste Italiane. Si tratta di prodotti comunque semplici che prevedono investimenti da parte del risparmiatore che versa una somma di denaro, sulla quale maturano periodicamente degli interessi (in genere ogni anno).

Il titolare dei Buoni può chiedere il rimborso del capitale in qualsiasi momento mentre gli interessi maturati vengono riconosciuti solo una volta trascorsi i primi 6 o 12 mesi dalla data di acquisto, in base alla tipologia di Buoni sottoscritta. Le novità comunicate dalla Cassa Depositi e Prestiti (CDP), disponibili presso tutti gli Uffici Postali, sono nove prodotti: T32, W03, K06, M95, P68, D52, C16, N13 e NA2. Partendo dalla Serie T32, la caratteristica del BFP3×4 è quella di riconoscere ogni tre anni gli interessi nel frattempo maturati, dando l’opportunità all’investitore di rivedere ogni triennio il proprio orizzonte temporale e di ridefinire la durata del proprio investimento. Il tasso nominale di rendimento lordo è pari allo 0,50% dal primo al terzo anno, all’1,50% dal quarto al sesto anno, all’1,75% dal settimo al nono anno ed al 3,26% dal decimo al dodicesimo anno;

Disponibile poi il BFP3x4RisparmiNuovi della Serie W03 è un BFP per coloro che investono nuova liquidità, ha un tasso nominale di rendimento lordo è pari all’1,00% dal primo al terzo anno, all’1,50% dal quarto al sesto anno, al 2,00% dal settimo al nono anno ed al 3,51% dal decimo al dodicesimo anno; passando al BFP3×4Fedeltà, Serie K06, è un BFP che garantisce un maggior rendimento a coloro che presentano al rimborso buoni fruttiferi postali scaduti. Il tasso nominale di rendimento lordo è pari all’1,00% dal primo al terzo anno, all’ 1,50% dal quarto al sesto anno, al 2,00% dal settimo al nono anno ed al 3,51% dal decimo al dodicesimo anno.

Disponibile poi il BFP Dedicato ai Minori, Serie M95, pensato esclusivamente ai minori di età, titoli che possono essere intestati solo a chi ha tra 0 e 16 anni e mezzo e in scadenza al compimento del 18esimo anno; il BFPEuropa, Serie P68, che ha durata di quattro anni, pensato per chi vuole fare investimenti puntando su futuri rialzi dei Mercati azionari Europei, rappresentati dall’Indice EURO STOXX 50, con la garanzia del capitale investito e la certezza di ottenere un rendimento minimo garantito. Il BFP Europa riconosce al primo anno un tasso nominale lordo pari al 2,00% se la variazione annua dell’Indice EURO STOXX 50 è maggiore o uguale al 7,00%, mentre dal secondo al quarto anno se la variazione annua dell’Indice EURO STOXX 50 è maggiore o uguale al 10,00% riconosce un tasso nominale lordo rispettivamente del 2,05%, 2,10% e 2,15%. Il rendimento minimo garantito è pari allo 0,40%;

A seguire tra le nuove emissioni di Bfp, quello a Diciottomesi, Serie D52; il Bfp Ordinario Serie C16 con tassi d’interesse sono crescenti, che partono dallo 0,25% del primo anno, per arrivare allo 0,50% del secondo e terzo anno, per arrivare al quarto anno allo 0,75%, al quinto anno all’1,00%, al sesto anno all’1,25%, al settimo anno all’1,50%,  all’ ottavo anno all’1,75%, al nono e al decimo anno al 2,00%, fino al 3,25% del 19esimo e 20esimo anno; il Bfp a 3 anni, Serie N13; e il Bfp a 3 anni EXTRA Serie NA2, che può essere sottoscritto solo da coloro che aderiscono al piano risparmiodisicuro EXTRA, che riconosce per il primo e secondo anno un tasso nominale lordo pari allo 0,25% e alla scadenza del terzo anno un premio pari all’1,00% lordo calcolato sul valore nominale investito.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il