iPhone 7, iPhone 6S, iOS 9: software più importante caratteristiche tecniche. Streaming legale e download P2P novità vincente

Ecco come Apple intende rivoluzionare il modo di scaricare e ascoltare musica. Spazio al download anche da utenti privati a prezzi inferiori.

iPhone 7, iPhone 6S, iOS 9: software più


L'impressione è che la prossima versione di iPhone sorprenderà più sul versante software che su quello hardware. Se sotto quest'ultimo aspetto, l'iPhone 7 (o più probabilmente l'iPhone 6S) rappresenterà una naturale evoluzione dell'ultimo top di gamma ora a scaffale, l'iOS 9 potrebbe portare con sé qualcosa di più che aggiornamenti incrementali. La novità più discussa in queste ore è il brevetto "Decoupling rights in a digital content unit from download" regolarmente depositato dalla società di Cupertino e portato alla luce dal sito TorrentFreak. In buona sostanza si tratta della condivisione legale di musica e video.

Non è affatto scontato che questa idea possa vedere la luce nella prossima versione del sistema operativo mobile di Apple. E né che lo sarà mai, ma è una traccia visibile del percorso seguito da Cupertino. Il funzionamento descritto è semplice: l'utente scarica un album da un altro utente e non dalla piattaforma iTunes, acquista la licenza a prezzo inferiore e procede alla fruizione. Il vantaggio per Apple è il risparmio sui costi di distribuzione e l'abbattimento della banda impegnata per l'erogazione dei contenuti. I singoli consumatori avrebbero invece la possibilità di comprare le stesse canzoni a un prezzo inferiore.

Di più, come si legge nel brevetto "il negozio di contenuti digitali può addebitare un primo prezzo agli utenti che scaricano un contenuto dal negozio e un secondo prezzo agli utenti che comprano l'autorizzazione per accedere al contenuto ma senza scaricarlo". Altro dettaglio non di poco conto è il disincentivo ad affidarsi a mezzi illegali per l'ascolto di musica ovvero di materiale protetto dalle leggi sul diritto d'autore. Ma come anticipato, resta da capire se e quando Cupertino deciderà di adottare questa soluzione.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il