BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bollo auto 2015: detrazioni, esenzioni chi può non pagare auto vecchie e storiche. Regole, scadenza 2 febbraio 2015

Si avvicina la scadenza del 2 febbraio per coloro che sono tenuti al pagamento del bollo e superbollo 2015. Con la Legge di Stabilità novità in arrivo per le auto storiche.




Mancano pochi giorni per regolarizzare la propria posizione prima della scadenza del 2 febbraio, termine ultimo per pagare il bollo e il superbollo 2015. Previste sanzioni per chi non rispetta tale scadenza. Originariamente il termine era stato fissato per il 31 gennaio 2015, giorno che però coincide con il sabato. Di conseguenza, la scadenza per il pagamento è stata prorogata a lunedì 2 febbraio anche se le regioni autonomamente, come fatto dal Piemonte, possono stabilire scadenze diverse.

Chi è tenuto a pagare e chi no?
Su tutti i veicoli immatricolati in Italia grava il bollo auto, mentre il superbollo è un addizionale erariale di 20 euro a Kw che si deve pagare per quei veicoli con più di 185 Kw. Un supplemento per i veicoli più potenti. E' doveroso ricordare come il superbollo non debba essere pagato trascorsi 20 anni dalla data di costruzione del veicolo. Esistono comunque categorie che non devono versare alcuna tassa. Sono esenti da questo obbligo, infatti, i possessori delle auto elettriche immatricolate meno di cinque anni fa, i soggetti diversamente abili intestatari del mezzo e l'intestatario di un'automobile che accompagna il soggetto disabile a patto che quest'ultimo è a tutti gli effetti fiscalmente a carico del proprietario.

Quanto si paga
La tassa da versare si calcola in proporzione alla potenza del veicolo. Un risultato facilmente reperibile con l'ausilio di un computer, un po' di pazienza e con pochi clik. Basta collegarsi con il sito dell'ACI o dell'Agenzia delle Entrate, inserire alcuni dati tecnici del veicolo e dal calcolatore online si ottiene l'importo da versare.

Come si paga
Diverse le modalità di pagamento proprio per facilitare il compito dei soggetti obbligati al versamento della tassa. Il bollo e il superbollo 2015 possono essere pagati presso le sedi ACI, gli uffici postali, le tabaccherie convenzionate, le agenzie che si occupano delle pratiche auto e tramite i servizi di internet banking.

Auto storiche
Con la Legge di Stabilità ci sono novità in arrivo per queste categorie di auto. Provvedimenti che non faranno felici i possessori delle auto storiche. Le nuove disposizioni sostanzialmente tolgono le esenzioni dal bollo per le auto ventenni e di conseguenza dall'inizio del 2015 i veicoli che hanno un'età compresa tra i 20 e i 29 anni sono nuovamente soggetti al pagamento della tassa automobilistica. Vetture considerate uguali ai fini fiscali se non hanno compiuto i famosi 30 anni. Un'operazione che evidentemente mira a punire i finti collezionisti e i soliti furbi, ma che rischia di penalizzare il mondo del motorismo storico. I tentativi e gli sforzi di cancellare la norma in questione non sono serviti a nulla. Le nuove norme sono passate e bisognerà aspettare gli sviluppi futuri per capire realmente gli effetti di questi provvedimenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il