BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezione Presidente Repubblica: terza votazione oggi diretta streaming e domani venerdì e sabato 30-31 Gennaio.

Sono iniziate le consultazioni per l'elezione del nuovo presidente della Repubblica. Domani pomeriggio è in programma la prima votazione.




AGGIORNAMENTO: Nulla di fatto finora, si ricomincia alle 15,30 di oggi venerdì con la terza elezione del presidente della repubblica e, probailmente, ci sarà anche domani sabato alle 9,30 o 10,30 (orrario da stabilire) 31 Gennaio 2015. Tutte le noità, come e dove vedere in streaming lo abbiamo visto in questo articolo.

 

Al via alle 15 di domani giovedì 29 gennaio 2015 la prima votazione per l'elezione del nuovo presidente della Repubblica. Chi sarà scelto? Forse i giochi sono già stati fatti ma solo al quarto turno, come preannunciato da Renzi, il Partito Democratico scoprirà le carte e indicherà il suo vero nome. Tutti i passaggi che porteranno a scegliere il nuovo inquilino del Quirinale potranno essere seguiti in diretta TV su tutti i principali canali, così come la diretta streaming è disponibile sulla maggior parte dei portali di informazione, da repubblica.it a ilsole24ore.com con tanto di resoconti e speciali.

A ogni modo le consultazioni sono state già avviate. Già questa mattina il premier ha incontrato i deputati e in senatori del PD. Sempre in queste ore si sono riuniti i parlamentari del Movimento 5 Stelle mentre nel pomeriggio è il turno del faccia a faccia fra Silvio Berlusconi e i grandi elettori di Forza Italia. Alle 18 è in programma l'assemblea di Ncd e Udc presieduta da Angelino Alfano. E c'è chi invita a mettere in conto un incontro all'ora di pranzo fra Renzi e Berlusconi.

Come avviene l'elezione del capo dello Stato? Siedono al banco della presidenza dell'Aula di Montecitorio Laura Boldrini, presidente della Camera, e Valeria Fedeli, che sostituisce alla guida del Senato Pietro Grasso. Sono due le chiame per ogni scrutinio, in quest'ordine: 321 senatori, 630 deputati e 58 delegati regionali. La scheda, consegnata da un commesso, è timbrata e firmata dal segretario generale della Camera. I grandi elettori entrano nel catafalco, votano e infilano la scheda nell'urna esterna. Finite le votazioni, la presidente della Camera legge all'Aula i nomi. Se si raggiunge il quorum lo scrutinio termina con la proclamazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il