BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni 2015 Gennaio, Febbraio, Marzo: i consigli gestori su titoli di Stato Europei, Usa, Emergenti e Btp italiani

Nuovo piano di acquisto titoli di Stato annunciato da Mario Draghi e conseguenze sui mercati: i migliori comparti in cui investire attualmente secondo gli esperti




Il presidente della Bce, Mario Draghi, ha annunciato solo qualche giorno fa il piano di acquisto di titoli di Stato, di valore decisamente elevato, decisione che in tanti in realtà si aspettavano e che servirà per fronteggiare la minaccia di una deflazione nei Paesi Ue. Draghi ha spiegato che “La Bce ha deciso di lanciare un programma esteso di acquisto di titoli da 60 miliardi di euro al mese, che durerà fino a fine settembre 2016 e comunque fino a quando l'inflazione non si risolleverà verso l'obiettivo del 2%. Vi rientreranno gli Abs e le obbligazioni garantite, e un 12% sarà in titoli di istituzioni europee, ma il grosso è costituito da titoli di debito pubblico, e rigorosamente sul solo mercato secondario per non violare il divieto di finanziamento monetario”.

Il nuovo piano della Bce influirà certamente sull’andamento di obbligazioni e Btp italiani, favorendo, come ritengono alcuni gestori, soprattutto gli investitori più propensi al rischio. Le nuove opportunità, secondo gli esperti, potrebbero riguardare le emissioni dei Paesi periferici meridionali d’area euro, come Italia, Spagna e Portogallo, ma bene anche titoli di Paesi virtuosi, che garantiscono una certa sicurezza.

Altro comparto in cui investire i propri risparmi potrebbero essere le emissioni in valuta straniera, a partire dal dollaro americano, per cui però è consigliabile scegliere una breve durata, in virtù dell’andamento dei tassi soggetti a probabili aumenti, che avrebbero effetti negativi sulle quotazioni dei titoli con durata medio lunga. In generale, come consigliano gli esperti, si potrebbe dedicare il 15% a titoli espressi in dollari americani, il 25% a titoli sicurezza, mentre la quota restante andrebbe alle emissioni dei Paesi meridionali d’area euro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



pubblicato il