BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Istanze online 2015: tribunali e Tar danno ragione ad ATA con sentenze. Aggiornamento ATA terza e seconda fascia continua

Due nuove sentenze per chiarire situazioni personale Ata a ricorsi presentati: cosa prevedono e chi riguardano




Mentre si attendono ancora le graduatorie ufficiali del personale Ata di terza fascia arrivano due nuove sentenze che dovrebbero chiarire delle situazioni finora rimaste sempre un po’ confuse. Con la sentenza dello scorso dicembre 2014, il Tar del Veneto, in risposta al ricorso presentato dal Sindacato nazionale autonomo lavoratori della scuola (Snals) contro la decisione della Direzione generale dell’Ufficio scolastico regionale della Provincia di Venezia che tagliava il personale Ata di 69 unità per l’anno scolastico 2008-2009, ha deciso che a determinare l’organico di diritto provinciale del personale ausiliario tecnico e amministrativo, ‘non è il fabbisogno territoriale ma il rispetto del contingente assegnato in base alle misure di contenimento’.
 
Il Tar del Vento ha dunque precisato che il sistema che concorre alla formazione degli organici è di ‘assicurare il necessario rispetto del contingente assegnato in applicazione delle misure di contenimento previste dalle leggi finanziarie, che ha comportato l'impossibilità di soddisfare interamente le esigenze delle scuole che sono aumentate a causa dell'incremento degli alunni’.

Altra recente sentenza è quella del Tribunale di Roma che definisce l’obbligo di pagamento ‘per intero dell’indennità di funzione superiore all’AA che sostituisce il DSGA’. Secondo la sentenza, l’assistente amministrativo che sostituisce il DSGA per più di 15 giorni ha diritto all’indennità di funzione superiore e tale indennità deve essere corrisposta in misura pari al differenziale dei livelli iniziali d’inquadramento del Direttore e dell’assistente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il