BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Elezioni Presidente Repubblica: oggi venerdì diretta live terza votazione ore 15,30. Streaming in tempo reale, dove e come evdere

Continuano le votazioni per il Presidente della Repubblica. Oggi pomeriggio, venerdì 30 Gennaio, parte la terza.




AGGIORNAMENTO: Nulla di fatto nemmeo alla seconda votazione, si riparte con la terza alle 15,30 di oggi venerdì 30 gennaio 2015. Come e dove vedere, seguire in diretta streaming video e conoscere novità e ultime aggiornamenti lo abbiamo visto nell'articolo sottostante.

Mancano meno di 24 ore alla prima votazione del nuovo presidente della Repubblica, in programma alle ore 15 della giornata di domani giovedì 29 gennaio 2015. L'appuntamento potrà essere seguito in diretta TV sui canali Rai, su quelli Mediaset, su La7 e, in chiaro e per tutti, su SkyTG24, raggiungibile al canale 27 del digitale terrestre. Anche per la diretta streaming da smartphone, tablet e PC c'è solo l'imbarazzo della scelta. Ci siamo noi di businessonline.it e ci sono i tanti portali di informazione come da ilsole24ore.com, repubblica.it, tg24.sky.it e corriere.it.

Ad aver pubblicato annunciato la rosa dei candidati per il Quirinale è stato il Movimeto 5 Stelle. I nomi sono Pierluigi Bersani, Raffaele Cantone, Lorenza Carlassare, Nino Di Matteo, Ferdinando Imposimato, Elio Lannutti, Paolo Maddalena, Romano Prodi, Salvatore Settis, Gustavo Zagrebelsky. Saranno coinvolti tutti gli iscritti al Movimento (e non solo i parlamentari) che potranno esprimere una preferenza. Sul candidato che otterrà più voti convergeranno le schede dal gruppo parlamentare sin dal primo scrutinio.

Per le prime tre votazioni il nuovo presidente può essere eletto solo se supera i due terzi dei voti possibili. Il quorum, dunque, è fissato a quota 673. Dalla quarta votazione in poi il quorum scende al livello della maggioranza assoluta e dunque a 505. Questo meccanismo in passato ha favorito l'elezione di alcuni presidenti al primo turno, ad esempio Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano in occasione del secondo mandato, mentre altre volte - quando le forze politiche non hanno raggiunto accordi né al proprio interno né fra di loro - si sono svolte molte votazioni. Nel 1971 Giovanni Leone fu eletto al ventitreesimo scrutinio.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il