BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bollo auto 2015 vecchi modelli, epoca, storiche e altri veicoli: regole Aci e singole regioni calcolo, pagamento, scadenza.Proroga

Anno nuovo vita nuova. Anche in tema di bollo per auto non saranno infatti poche le novità che questo 2015 porterà agli automobilisti italiani: meno esenzioni e detrazioni concesse con il contagocce.




La tanto famosa Legge di stabilità 2015 ha apportato diverse modifiche anche per quanto riguarda il pagamento della tassa automobilistica, ovvero il bollo auto. Intanto bisogna dire che per quanto riguarda il termine di pagamento dovrebbe esserci, almeno in questo caso, una nota positiva per gli automobilisti. Chi aveva infatti il bollo in scadenza a fine 2014, come di consueto, avrà un mese di tempo, ovvero fino al 31 Gennaio, per mettersi in regola senza rischiare di incappare in alcuna sanzione. Non solo. Date forse le numerose modifiche, molte regioni,in maniera del tutto legittima, hanno deciso di concedere delle proroghe per il pagamento della tassa automobilistica. In Piemonte, ad esempio, tale proroga ha comportato lo slittamento del termine per il pagamento del bollo auto fino addirittura al 16 Febbraio. Ovviamente sarà possibile mettersi in regola anche dopo la scadenza del termine. In questo caso però i ritardatari dovranno far fronte ad una piccola mora che andrà aumentando con il passare del tempo.

Le notizie positive, stranamente, non finiscono qui. Chi possiede un auto elettrica infatti non dovrà pagare il bollo per i primi 5 anni dalla data di immatricolazione della propria autovettura. L'esenzione del bollo è poi estesa, ovviamente, anche ai disabili, a patto che l'auto sia intestata a loro. Anche qualora l'automobile risulti di proprietà di chi accompagna il disabile, il bollo non dovrà essere pagato. In questo caso tuttavia è necessario, al fine di ottenere l'esenzione, che il disabile in questione risulti fiscalmente a carico dell'accompagnatore.

Passando poi alle auto d'epoca, arrivano però le note dolenti. Tutti sanno che da tempo, i proprietari di autovetture immatricolate da più di vent'anni, godono di una detrazione che permette loro il pagamento del così detto mini-bollo. Questo è un bollo, notevolmente ridotto, che permette ai proprietari delle auto d'epoca di godersi il proprio mezzo e al contempo di risparmiare del denaro. Da oggi però la pacchia è finita. Dal 2015 infatti anche chi fosse in possesso di un auto immatricolata da più di vent'anni dovrà fare i conti con il bollo auto. Infine per quanto riguarda le auto così dette storiche, l'esenzione, anche quest'anno, è garantita. Qualora si sia in possesso di un auto immatricolata da almeno 30 anni, e in quanto tale considerata storica, si potrà infatti risparmiare la spesa del bollo, proprio come avveniva fino all'anno scorso.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il