BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Certificazione Unica Agenzia Entrate 2015: regole, istruzioni, indicazioni compilazioni ufficiale. Problemi segnalati, proroga

Novità e problemi Certificazione Unica 2015: chiesta proroga e Consulenti del Lavoro pronti al primo sciopero. I motivi




Sta creando non pochi problemi la nuova Certificazione Unica 2015, nuovo modello di Cud in vigore da quest'anno che presenta più campi da compilare, arrivando a 297, e dovrà contenere le somme relative ai redditi da lavoro assimilati a quelli relativi ad autonomi e professionisti, che finora venivano certificati in forma libera. Il nuovo Modello di Certificazione Unica CU sarà, infatti, composto non più da 2 pagine ma da 5 pagine e comprenderà due diverse sezioni: la certificazione lavoro dipendente, assimilato e assistenza fiscale, e la certificazione lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi. Insieme a queste due sezioni, bisognerà inserire molte più informazioni rispetto al passato.

Saranno, per esempio, richiesti i dati relativi a coniuge e altri familiari a carico, il grado di parentela, il codice fiscale,  percentuali di detrazioni spettanti e presenza di eventuali minori di tre anni. Diventano poi più pesanti le sanzioni a carico dei professionisti che commettono errori: si parla di sanzioni pari a 100 euro per ogni certificazione errata. E a causa di queste novità e dei tempi stretti entro cui i professionistici abilitati devono presentare la Cu2015 sono piovute richieste di proroga e i Consulenti del Lavoro hanno anche annunciato un primo sciopero, tra il 7 e il 14 marzo prossimi.

Il problema principale deriva dal fatto che la Certificazione Unica 2015 può essere inviata all’Agenzia delle Entrate solo per via telematica, attraverso un nuovo software che, oltre a tener conto di tutti gli elementi che andavano inseriti anche nel vecchio Cud, preveda anche campi specifici per alcune nuove voci, ma che, chiaramente, le aziende di software non hanno ancora consegnato e per cui tutto al momento è fermo. Considerando che la consegna dei modelli Cu 2015 ai lavoratori deve avvenire entro il 28 febbraio e la successiva trasmissione dei modelli all’Agenzia delle Entrate deve concludersi entro il prossimo 9 marzo, e le nuove sanzioni previste, è chiaro che i professionisti del settore chiedano una proroga dei tempi.

Altro problema riguarda il Modello 730 precompilato, che debutta quest’anno e per cui serve la . Secondo i Consulenti del Lavor, ‘ la complicazione della nuova CU serve a valorizzare dati assolutamente secondari del 730 ed è vero che ci vorrebbe un Fisco semplice, ma anche conoscenze giuridiche tributarie minimali per poter avere contezza di chi e cosa rilevi ai fini fiscali’.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il