BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bollo auto 2015 auto vecchie, epoca, storiche e altri modelli: calcolo, pagamento detrazioni, esenzioni Aci,Regioni,motorizzazioni

Come e quanto si paga il bollo auto 2015: veicoli esenti e cosa cambia per le auto storiche. Le diverse norme nelle diverse regioni




Domani, lunedì 2 febbraio, è l’ultimo giorno utile per pagare il bollo auto 2015, senza sanzioni. L'Aci ha precisato che la tassa automobilistica deve essere pagata in base alla potenza effettiva del veicolo espressa in kilowatt, un dato riportato sulla carta di circolazione del veicolo. Il numero relativo ai Kw può contenere una virgola: in questo caso non si devono considerare le cifre decimali. Ad esempio, se il numero dei Kw è 44,50 l'importo va corrisposto per 44 Kw. Se non è riportata l'indicazione del numero di Kw, la tassa deve essere versata in relazione alla potenza massima espressa in Cv, indicata sulla Carta di circolazione.

Per calcolare il bollo da versare per la propria auto, basta consultare servizio online offerto dall’Agenzia delle entrate, dove si può effettuare il calcolo o tramite la potenza del veicolo espressa in chilowatt o cavalli vapore, direttiva euro, regione di immatricolazione, tipologia di veicolo ovvero direttamente inserendo la targa del veicolo, di calcolare l’importo della tassa. Sono esenti dal pagamento del bollo gli autoveicoli alimentati con gas metano, GPL ed idrogeno i veicoli elettrici per i quali l’esenzione vale per i primi cinque anni dall'immatricolazione e dal sesto anno poi si pagherà solo il 25% del bollo, così come per le auto a metano e gpl. E

senti dal pagamento del bollo anche i disabili e le autovetture usate per l'accompagnamento di persone invalide ma guidate da parenti a carico. Discorso a parte meritano le cosiddette auto d’epoca: la Legge di Stabilità 2015 ha cancellato l’esenzione dal bollo per gli autoveicoli e i motoveicoli di particolare interesse storico e collezionistico costruiti da almeno venti anni, individuati annualmente dall’ASI, l’Automobilclub storico italiano e dalla Federazione motociclistica italiana, eliminando l’esenzione previste per i veicoli di oltre 20 anni.

Da quest’anno, perchè un’auto sia considerata d’epoca, e dunque esente dal pagamento del bollo, deve avere a 30 anni e non più 20, quindi domani  tutti i proprietari di auto con età compresa tra i 20 e i 29 anni dovranno pagare il bollo. Si tratta di una norma che tuttavia ha scatenato parecchia confusione e non tutte le Regioni stanno seguendo questa novità. Molte hanno, infatti, deciso di mantenere l’esenzione sulle vetture che hanno tra i 20  e i 29 anni di vita.

Le Regioni che hanno recepito la novità della Legge di Stabilità sono Legge di Stabilità: Abruzzo, Campania, Calabria, Lazio, Liguria, Molise, Puglia, Umbria, Valle D’Aosta, la Provincia Autonoma di Trento, Friuli Venezia Giulia, Sicilia, Marche, Sardegna., mentre la Lombardia ha mantenuto anche per il 2015 l'esenzione dal pagamento del bollo per le auto 20ennali. In Piemonte è stato poi proprio prorogato il pagamento del bollo al 28 febbraio in attesa di nuovi chiarimenti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il