BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni uomini, vecchiaia, donne Governo Renzi: riforma, novità per interventi più incisivi. Renzi con Boeri a Ministero Economia

Dimissioni Napolitano e nuovo Presidente della Repubblica potrebbero portare a significativi interventi nell’equilibrio del governo stesso: cosa potrebbe cambiare




Le dimissioni di Giorgio Napolitano e la successiva elezione del nuovo Presidente della Repubblica potrebbero portare a significativi interventi nell’equilibrio del governo stesso. Fino a qualche settimana fa si paventava la possibilità che tra i candidati alla presidenza potesse esserci anche l’attuale ministro del Lavoro Padoan, cosa che, come lui stesso aveva dichiarato, non si è verificata. In quel caso, il premier Renzi stesso, si diceva, avrebbe potuto prendere il suo posto alla guida del Ministero dell’Economia. Un’ipotesi che, pur senza la candidatura di Padoan, potrebbe realizzarsi comunque.

La nomina di Padoan fu voluta infatti da Giorgio Napolitano e senza più la sua guida qualcosa potrebbe cambiare, considerando che spesso sono emerse divergenze tra il ministro dell’Economia e il presidente del Consiglio, su molte questioni, a partire da quegli interventi sulle pensioni che Renzi ha sempre auspicato, sin dall’inizio del suo mandato, ma contro i quali Padoan si è sempre dichiarato. Per lui la riforma pensioni Fornero deve rimanere così com’è e le novità di questi ultimi giorni continuano a confermare questa posizione.

D’altro canto, Renzi non ha mai dichiarato di voler cambiare completamente o eliminare le legge pensionistica attuale, ma intervenirci con modifiche che servirebbe a risolvere alcuni problemi creati nonché a garantire maggiore flessibilità, come del resto richiesto da tutti tra forze politiche e sociali. La sua guida all’Economia chiuderebbe un cerchio che ha iniziato a ‘costruire’ sin dalla nomina del nuovo presidente Inps, Tito Boeri, da lui fortemente voluto.

Tante infatti le idee e ipotesi di intervento condivise tra Boeri e Renzi, dal ricalcolo contributivo per tutti e applicazione del prelievo di solidarietà sulle pensioni più elevate, come del resto aveva già detto il consigliere economico di Renzi Gutgeld, al modifiche della governance dell’Inps stesso, a sistemi di uscita anticipata per tutti per rilanciare l’occupazione, soprattutto giovanile.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il