BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2015: multe, sanzioni, ravvedimento per ritardi e mancato pagamento scadenza 2 Febbraio ieri. Come fare

Si avvicina la data ultima per il pagamento del canone Rai. In caso di pagamento ritardato sarà necessario versare anche sanzioni e interessi mentre gli evasori rischiano cartelle molto salate.




Canone Rai 2015, modalità di pagamento e scadenze

Confermata la possibilità di pagare il canone in un'unica soluzione (entro il 31 gennaio 2015) o in rate semestrali o trimestrali: in questo caso l'importo complessivo include gli interessi e in ogni caso il primo pagamento deve essere effettuato entro il 31 gennaio 2015.

Sanzione e interessi derivanti dal pagamento in ritardo del canone Rai

Nel caso in cui il pagamento avvenga in ritardo è necessario ravvedere la propria posizione, versando un importo maggiorato da sanzioni e interessi, che dipende dal tempo trascorso tra la scadenza e la data di pagamento. Nel caso in cui il pagamento avvenga entro i 30 giorni dalla scadenza, deve essere versata una sanzione pari ad un dodicesimo dell'importo dovuto a titolo di prima rata semestrale, pari a 4,47 euro, mentre non sono previsti interessi. Nel caso, invece, in cui il pagamento avvenga dopo i 30 giorni dalla scadenza, deve essere versata una sanzione raddoppiata, pari ad un sesto dell'importo dovuto a titolo di prima rata semestrale, pari a 8,94 euro e sono dovuti anche interessi se il ritardo supera i 6 mesi, ad un tasso dell'1% semestrale.

Mancato pagamento del canone Rai, le conseguenze

Nel caso in cui venisse accertato il mancato pagamento del Canone Rai, l'Agenzia delle Entrate provvederà all'invio, all'indirizzo dell'abbonato, di un avviso bonario, contenente un bollettino precompilato con l'importo dovuto. In caso di mancato pagamento, avverrà il recupero coattivo e l'avviso bonario si trasformerà in cartella esattoriale, con tutte le conseguenze del caso. La pratica, in questi casi, viene gestita da Equitalia, che può richiedere un importo massimo non superiore a 620 euro.

Sanatoria canone Rai

La Legge di Stabilità ha introdotto una sanatoria per le cartelle esattoriale di Equitalia, precedenti al 2000, con importo complessivo inferiore ai 300 euro. Il provvedimento riguarda anche molti abbonati che non hanno pagato il Canone Rai e mostra le contraddizione dell'intero sistema tributario italiano, che da una parte inasprisce le sanzioni e dall'altra condona gli evasori. Chi non è tenuto a pagare il Canone Rai 2015

L'obbligo di pagare il Canone Rai viene meno per gli abbonati over 75 che presentano un reddito complessivo (inteso come reddito del nucleo familiare) inferiore ai 516 euro al mese. Chi si trova in questa situazione deve inviare all'Agenzia delle Entrate la domanda per richiedere l'esenzione, che non viene riconosciuta automaticamente dall'ente.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il