BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Equitalia 2015: istruzioni, requisiti, spiegazioni come fare domanda, richiesta sanatoria, condono multe e cartelle sotto 300 euro

Nel nuovo anno entreranno in vigore diverse novità riguardanti Equitalia. In particolare ci sarà una nuova sanatoria e ci sarà l'introduzione delle nuove cartelle esattoriali.




Una prima novità molto rilevante è l'introduzione di una nuova sanatoria. In pratica, tutte le cartelle esattoriali che vanno dal 2000 ad oggi, e che hanno un importo inferiore ai 300 euro, saranno automaticamente cancellate. Quindi per ottenerla non ci sarà bisogno di fare nessuna domanda, ma partirà automaticamente. L'obiettivo di questo provvedimento è quello di non sprecare energie inutili per reperire crediti che ormai risultano molto difficili da riscuotere.

Un'altra novità importante è l'introduzione di un nuovo regime di rateazione. Molto spesso, a causa della crisi, persone prese dalla disperazione hanno compiuto gesti estremi perché Equitalia ha avuto nei loro confronti un atteggiamento troppo rigido, e non ha concesso loro la possibilità di rateizzare il debito in modo più flessibile. Vicende che hanno dell'assurdo, e si è intervenuto per fare in modo che tutto questo non debba più ripetersi. Il nuovo regime di rateazione che si andrà ad applicare prevede che si può concordare il pagamento di 72 rate, per un debito che non superi i 50 mila euro.

Ogni rata dovrà avere un importo che non sia più piccolo di 100 euro. Per chi invece ha un debito che supera la cifra dei 50 mila euro, c'è la possibilità di richiedere una rateazione agevolata: cioè un piano che prevede la presenza di 120 rate. Per averne diritto bisogna dimostrare il proprio stato di difficoltà economica, presentando una documentazione dettagliata, che comprende il modello Isee. Nel caso in cui ci si renda conto che non si riuscirà a soddisfare il piano di rateazione concordato con Equitalia, il contribuente ha la possibilità di estende in modo ulteriore questo piano, introducendo un numero ulteriore di rate, che può essere di 72 o addirittura di altre 120 rate. Naturalmente questa possibilità è unica. Si è voluto far questo per fare in modo che tutti, ma proprio tutti abbiano la possibilità di risolvere in maniera dignitosa i propri debiti, senza essere spinti alla disperazione, e quindi rischiare di vivere altre inutili tragedie.

Tutti questi provvedimenti hanno uno scopo primario: quello di migliorare il rapporto tra i cittadini e l'ente di riscossione (in passato davvero molto tesi, che hanno generato anche episodi di violenza). Un ulteriore provvedimento adottato per questo obiettivo è stato l'introduzione delle nuove cartelle esattoriali. Si tratta di cartelle che sono molto più semplici da leggere e da interpretare rispetto a quelle vecchie, in questo modo si avrà davvero chiaro cosa, come e soprattutto quanto pagare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il