BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Canone Rai 2015: pagamento in ritardo sanzioni e multe. Come fare ravvedimento. Se non si paga cosa si rischia

Scade oggi il termine di pagamento del Canone Rai 2015: cosa succede se si paga in ritardo e multe previste. Tutte le informazioni




Scade oggi il termine di pagamento del Canone Rai 2015: la cifra da pagare è di 113, 50 euro e per effettuare il pagamento si possono usare bollettini postali, che devono essere intestati a S.A.T. Sportello Abbonamenti TV- Torino sul c/c 3103; si può pagare in qualunque tabaccheria del circuito Lottomatica, Sisal o convenzionate banca ITB; o con credito Visa, Mastercard, Moneta, Aura, Diners o American Express contattando telefonicamente il servizio Taxtel di Equitalia Nord, al numero verde 800.191.191 da rete fissa o allo 02641 61701 da cellulare.

Chi pagherà in ritardo il Canone, che come ha precisato la stessa Rai deve essere obbligatoriamente versato anche in assenza di segnale tv, dovrà versare la somma prevista aggiungendovi una sanzione aggiuntiva di 4,47 euro entro il primo mese, che sale a 8,96 euro nei mesi successivi, fino ad una sanzione massima di 619 euro. Se non si paga il Canone Rai le sanzioni possono arrivare fino a 620 euro. Con il cosiddetto ravvedimento, se si paga con un ritardo inferiore ai 30 giorni, la sanzione è 1/12 del canone per ogni semestre; se si paga oltre i 30 giorni, la sanzione è di 1/6 del canone per ogni semestre.

Gli interessi di mora oltre i 6 mesi sono dell’1%. Il pagamento può essere effettuato in un'unica soluzione entro oggi o in rate semestrali o trimestrali, con scadenza fine gennaio e fine luglio se semestrale, o fine gennaio, aprile, luglio e ottobre, se trimestrale. Con la nuova sanatoria introdotta dalla nuova Legge di Stabilità che permette la cancellazione delle cartelle esattoriali di Equitalia di importo inferiore ai 300 euro anteriori al 2000, tutti coloro che non hanno pagato il canone Rai potranno non pagare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il