BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità, riforma uomini Governo Renzi: novità positive con Pil più alto, dichiarazioni ufficiali, spinta Ue

Secondo l'Istituto nazionale di statistica, l'economia è finalmente in ripresa. Aumentano gli spazi di manovra per attuare la riforma pensioni?




Arriva qualche segnale positivo per la riforma pensioni Renzi. Da una parte c'è la novità dei primi attesi segnali positivi dall'economia che hanno portato a invertire la rotta sul crollo del tasso di occupazione. Dall'altra ci sono le ultime notizie che arrivano dall'Europa con la Commissione pronta a fare concessioni in cambio di riforme. Si tratta quindi di un contesto che inizia a cambiare in maniera positiva. Se i segnali dovessero essere soddisfacenti, il governo vedrebbe allargarsi gli spazi di manovra per mettere in discussione alcune delle rigidità strutturali, fra cui quelle previdenziali della legge Fornero.

Andando più nel dettaglio, secondo l'Istat la disoccupazione a dicembre in Italia è scesa al 12,9% (0,4% in meno rispetto a novembre). Miglioramenti anche per i giovani senza lavoro tra i 15 e i 24 anni: sono scesi, infatti, al 42% (-1%). Certo, è ancora presto per parlare di navigazione a gonfie vele. Per l'Istituto nazionale di statistica, "in gennaio, l'economia italiana ha mostrato segnali di un possibile recupero della domanda interna". Secondo i dati del Rapporto Eurispes 2015, quasi un italiano su due (il 47%) non riesce ad arrivare a fine mese con le proprie entrate.

Come è noto la partita si svolgerà anche in ambito europeo. Bruxelles ha infatti allentato i vincoli del patto di stabilità ma solo a precise condizione. Se l'Italia non porterà a termine il processo di riforme su liberalizzazioni e mercato dl lavoro rischierà la procedura per squilibri macroeconomici. Con le nuove regole sulla flessibilità l'Italia potrà evitare nel prossimo mese di marzo un rafforzamento della manovra. La moratoria triennale sulla regola del debito prevede un rientro del 2% in 3 anni. Sono da valutare i risultati 2014 e 2015 ma la recessione gioca a favore dell'Italia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il