BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, donne, anzianità riforma Governo Renzi: novità ufficiali quota 100, Mini Pensione, ricalcolo contributivo

Cambiare la riforma pensioni Fornero partendo dal ricalcolo contributivo per tutti: le novità possibili e attese proroga opzione donna e soluzione quota 96




“Ci sono delle iniquità pazzesche nel sistema pensionistico. Molte persone hanno ricevuto molto di più di quello che hanno versato, allora andiamo a calcolare qual è la differenza tra quello che queste persone ricevono e quello che avrebbero ricevuto con le regole del sistema contributivo, su questa differenza andiamo a introdurre un prelievo ma attenzione, lo facciamo solo a chi ha pensioni da tremila euro in su. Parliamo al massimo di un contributo del 20, 30% su questa differenza, quindi sul totale della pensione il contributo sarà al massimo del 10%”: queste le dichiarazioni del presidente dell’Inps, Tito Boeri, che tra i suoi primi interventi per cambiare la riforma pensioni Fornero punta sul ricalcolo contributivo di tutti.

Si tratterebbe di applicare un prelievo di solidarietà del 20/30% sulla differenza tra calcolo con metodo retributivo e con contributivo e sarebbe mettere in pratica ciò che il premier Renzi stesso, sostenuto dal suo consigliere economico Gutgeld, aveva anticipato già tempo fa, senza arrivare mai, però, a realizzarlo.

Applicare ora questo meccanismo di ricalcolo contributivo che sarebbe il primo intervento sulle pensioni pensato soprattutto per ristabilire un equilibrio previdenziale, che evidente oggi è saltato, potrebbe essere il primo passo verso altre correzioni della legge Fornero.

E potrebbero ricevere nuova spinta quei meccanismi di uscita anticipata come uscita a quota 100 o a 62 anni di età con 35 anni di contributi e penalizzazioni, estensione del sistema contributivo per tutti, prestito pensionistico, part time e staffetta generazionale, questi ultimi oggi ritenuti i più fattibili perché non toccano età anagrafica e anzianità contributiva stabilite dalla legge Fornero. Intanto, si attendono conferme sulla proroga dell’opzione donna e soluzioni per i quota 96 della scuola.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il