BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Android 5, 5.0.2 e 5.0.1 e Android 5.1 ufficiale eppure Samsung Galaxy S5, S4, S4 Mini, Nexus 5 solo primo aggiornamento o fermi

Sono ancora tanti i ritardi che stanno caratterizzando la distribuzione dell'aggiornamento di sistema operativo Android 5.0 Lollipop.




Sempre in moto la macchina dell'aggiornamento di sistema operativo Android 5.0 Lollipop (e successivi update correttivi Android 5.0.1 e Android 5.0.2) ma con un andamento frammentato e a velocità non costante. Il contesto confusionario è ancora più pronunciato se si prende in esame lo stato dei dispositivi Samsung. Per il top di gamma Galaxy S5, l'upgrade è disponibile solo per i modelli con marchi 3 Italia o Vodafone. Non solo non c'è traccia per quelli Wind e Tim, ma non ci sono notizie per quelli no brand, in passato i primi a ricevere le nuove versioni del software del robottino verde.

E già si parla dell'approdo dell'update Android 5.0.2, attualmente in fase di test, per Samsung Galaxy S4, Samsung Galaxy Note 3, Samsung Galaxy Note 4, Samsung Galaxy Note Edge e Samsung Galaxy Alpha. Non se la passa meglio HTC: il rollout sul mercato statunitense per il suo smartphone di punta HTC One (M8) sta subendo qualche rallentamento di troppo sulla tabella di marcia. All'orizzonte c'è poi Android 5.1, di cui stanno circolando sul web le prime presunte immagini. I primi terminali a riceverlo saranno quelli della gamma Nexus ovvero Nexus 5, Nexus 6, Nexus 4, Nexus 7 2013 Wi-Fi, Nexus 2012 Wi-Fi, Nexus 9 e Nexus 10.

Il software dovrebbe introdurre una maggiore stabilità generale, risolvere il problema relativo alla chiusura improvvisa delle applicazioni, ridurre il consumo della batteria anche in relazione alla connessione Wi-Fi, migliorare la gestione della RAM, correggere i problemi relativi a OK Google, introdurre la modalità silenziosa. Per verificare la disponibilità dell'upgrade di sistema operativo sul proprio terminale occorre seguire il percorso Impostazioni > Info sul telefono > Aggiornamenti sistema.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il