BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, riforma tasse, quota 96, canone rai multe, indulto, amnistia: novità oggi Governo Renzi venerdì 6 Febbraio 2015

Come si va avanti sulle principali questioni del governo Renzi: a che punto sono le discussioni su pensioni, quota 96, sovraffollamento carceri




A che punto sono le discussioni del governo su pensioni, quota 96, sovraffollamento carceri? sono intanto scaduti i termini di pagamento di collo auto e canone Rai 2015. Vediamo, dunque, come pagare in ritardo e come si procede su altri fronti.

Riforma Pensioni e Quota 96: Un nuovo emendamento per il pensionamento dei quota 96 della scuola dovrebbe essere contenute nel prossimo decreto Milleproroghe e probabilmente quest’anno sarà quello definitivo per chiudere la partita dei 4mila lavoratori della scuola, che hanno maturato da tre anni i requisiti pensionistici, ma che sono ancora a lavoro, per un errore di formulazione contenuto nella riforma pensioni Fornero. L’intenzione di risolvere questo caso diventato ormai sociale è anche nei piani del nuovo presidente dell’Inps. Insieme a lui anche le nuove dichiarazioni del ministro del Lavoro Poletti che, pur non facendo esplicito riferimento ai quota 96 Scuola, ha annunciato che dopo la riforma Inps si procederà con correttivi alla riforma pensioni Fornero, correttivi che serviranno non solo per risolvere casi come quello dei quota 96 e degli esodati, ma anche per garantire a tutti maggiore flessibilità e sostenibilità, attraverso l’approvazione di piani di uscita anticipata (e toccherà alle forze politiche valutarne i migliori) e tagli e interventi che possano rendere l’attuale sistema previdenziale più sostenibile ed equo.

Indulto e Amnistia: Mentre il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, continua a ribadire che non è necessario approvare le misure di clemenza di indutlo e amnistia per risolvere un'emergenza carceraria già notevolmente diminuita, grazie ai provvedimenti del decreto svuota carceri 2014, arrivano, in realtà, nuove denunce sulle drammatiche condizioni di vita nelle carceri italiane a causa del sovraffollamento. A lanciare il nuovo allarme l’allarme arriva dal Sappe, sindacato autonomo della polizia penitenziaria, secondo il quale sarebbero aumentate le aggressioni nei confronti degli agenti penitenziari e tra detenuti stessi, cosa che dimostra chiaramente come la situazione nelle carceri italiane sia ancora ad alta tensione.

Bollo auto 2015: E’ scaduto lunedì scorso il termine di pagamento del bollo e chi pagherà in ritardo dovrà sommare alla cifra da versare le sanzioni previste dal cosiddetto ravvedimento: se si paga entro 14 giorni dalla data di scadenza le sanzioni previste sono dello 0,2% sull'importo iniziale per ogni giorno di ritardo, se si paga dal 15esimo al 30esimo giorno del 3% che salgono al 3,33% in caso di ritardato pagamento dal 31esimo al 90esimo giorno, e al 3,75% se si paga dal 91esimo giorno fino allo scadere dei 12 mesi. In Piemonte, tuttavia, è stato prorogato al prossimo 28 febbraio il pagamento del bollo, in attesa di nuovi chiarimenti, soprattutto in merito alle novità sulle auto storiche. La Legge di Stabilità 2015 ha, infatti, cancellato l’esenzione del bollo per le auto di oltre 20 anni e che da quest’anno vale solo per le auto oltre i 30 anni. Non tutte le regioni hanno adottato questa novità e, per esempio, la Lombardia ha deciso di mantenere l’esenzione in vigore prima della nuova Legge di Stabilità; e in Emilia Romagna e Veneto l’esenzione sarà mantenuta per i soli veicoli iscritti ai registri storici.

Canone Rai 2015: E’ scaduto anche il termine di pagamento del Canone Rai 2015. Ed anche in questo caso chi pagherà in ritardo dovrà fare i conti con le sanzioni previste. La cifra di pagamento iniziale è congelata sulla somma di 113,50 euro dd è prevista i una sanzione aggiuntiva di 4,47 euro entro il primo mese, che sale a 8,96 euro nei mesi successivi, fino ad una sanzione massima di 619 euro. Se non si paga il Canone Rai le sanzioni possono arrivare fino a 620 euro. Con il cosiddetto ravvedimento, se si paga con un ritardo inferiore ai 30 giorni, la sanzione è 1/12 del canone per ogni semestre; se si paga oltre i 30 giorni, la sanzione è di 1/6 del canone per ogni semestre. Gli interessi di mora oltre i 6 mesi sono dell’1%. Per pagare, ricordiamo, si possono usare bollettini postali, che devono essere intestati a S.A.T. Sportello Abbonamenti TV- Torino sul c/c 3103; si può pagare in qualunque tabaccheria del circuito Lottomatica, Sisal o convenzionate banca ITB; o con credito Visa, Mastercard, Moneta, Aura, Diners o American Express contattando telefonicamente il servizio Taxtel di Equitalia Nord, al numero verde 800.191.191 da rete fissa o allo 02641 61701 da cellulare.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il