BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bollo auto 2015: regioni, lista differente calcolo, detrazioni, proroga pagamento auto storiche, epoche e altri modelli

Continua a regnare la confusione sul pagamento del bollo auto storiche: la situazione in continua evoluzione regione per regione




Continua a regnare la confusione sul pagamento del bollo auto 2015, ormai scaduto lunedì scorso. Il problema principale riguarda calcolo e pagamento della tassa soprattutto sulle cosiddette auto storiche, quelle che fino allo scorso anno erano considerate le auto con più di 20 anni e che erano esenti dal pagamento del bollo e che da quest’anno, per effetto della nuova norma contenuta nella Legge di Stabilità, sono invece le auto 30ennali. Non tutte le Regioni hanno però ben accolto la novità e alcune, come la Lombardia, hanno deciso di mantenere l’esenzione per le auto 20ennali, Emilia Romagna e Veneto hanno deciso di mantenere l’esenzione per le auto 20ennali iscritte ai registri storici.

Qui le amministrazioni hanno deciso mantenere l’esenzione per gli autoveicoli e i motoveicoli, esclusi quelli adibiti a uso professionale, che hanno tra i venti e i trenta anni d'interesse storico o collezionistico, iscritti in uno dei registri ASI, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI, previsti dall'articolo 60 del decreto legislativo n. 285 del 1992 e dal relativo regolamento attuativo.

In Piemonte, invece, è stato proprio prorogato del tutto il pagamento del bollo auto al prossimo 28 febbraio, e mentre l’Aci sollecita il governo a nuovi interventi di correzione, sono altre le Regioni che in questi ultimi giorni hanno deciso di adottare strade diverse.

Hanno deciso di mantenere l'esenzione dal bollo per le auto 20ennali anche Regioni come Basilicata, provincia di Bolzano, Toscana, Molise,  provincia di Trento, mentre si sono adeguate alla norma della nuova Legge di Stabilità, vale a dire l'esenzione per le auto 30ennali, Valle D'Aosta, Friuli, Umbria, Liguria, Abruzzo, Lazio, Campania, Marche, Puglia, Calabria, Sardegna e Sicilia.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il