BusinessOnline - Il portale per i decision maker


Obbligazioni 2015: consigli gestori e analisti per titoli con migliori rendimenti

Ecco suggerimenti e consigli degli esperti per chi intende investire sull'obbligazionario emergente. I rendimenti viaggiano dal 5 al 10%.




Lo spartiacque è rappresentato dal Quantitative easing, la manovra non convenzionale della Banca Centrale Europea per l'immissione di liquidità nel sistema con l'acquisto di titoli pubblici o privati creando moneta. Se sono coinvolti quelli con durata da 2 a 30 anni (Btp e Ctz in Italia) sul mercato secondario (in particolare dalle banche) la conseguenza è il calo dei rendimenti e l'aumento dei prezzi, con minore spesa degli Stati per interessi nelle future aste. La discesa dei tassi ha come risultato anche il deprezzamento della moneta dell'Eurozona, con un cambio verso il dollaro e le altre valute più favorevole per la bilancia dei pagamenti e per l'export italiano.

Effetti positivi per chi possiede titoli di Stato coinvolti nel programma di acquisti della Banca Centrale Europea, dato che il valore dei titoli aumenta, mentre ci si dovrà accontentare di rendimenti più bassi nelle future emissioni pubbliche. In questo contesto non sarà semplice per i piccoli risparmiatori riuscire a individuare rendimenti soddisfacenti nelle obbligazioni.

C'è chi, come gli esperti del Sole 24 Ore, invita a puntare sui cosiddetti bond emergenti. Nella Repubblica Dominicana, ad esempio, grazie anche al crollo del prezzo del petrolio, il Pil viaggia a +7,1% e i titoli a scadenza 2020 esibiscono una cedola del 10,5%. Dai Caraibi all'Africa, in Kenya il Pil, trainato dal settore dei servizi, è cresciuto del 5,5% nel terzo trimestre dello scorso anno e titoli di Stato 2024 hanno una cedola del 6,875%. Riflettori puntati anche sul Vietnam, uno dei perni dell'Asean Economic Community alla Trans Pacific Partnership: Pil +6%, titoli 2024 con cedola del 4,8%. Numeri ancora superiori per la Mongolia ricca di materie prime: Pil +7%, titoli 2022 con cedola del 5,1%.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il