BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, precoci, anzianità riforma Governo Renzi: novità Mini pensione, quota 100, e aumento assegno appoggiati Civ INPS

Conti Inps in rosso ma in miglioramento: nuovi interventi pensioni richiesti dal Civ al governo. Quali le novità in discussione




In rosso i conti dell'Inps anche se quest'anno registreranno un miglioramento rispetto al 2014: questo quanto emerge dal bilancio preventivo Inps per il 2015 approvato dal Civ, Il Comitato vigilanza, secondo il quale il risultato economico di esercizio sarà negativo per 6,8 miliardi ma in miglioramento di 5,3 miliardi rispetto alle stime aggiornate per il 2014 (12,1 miliardi).

Secondo il Civ, i conti Inps tengono, nonostante il perdurare della crisi economico-finanziaria ma servono interventi strutturali per permettere la piena sostenibilità, soprattutto nel lungo periodo, del sistema previdenziale a garanzia delle aspettative di giovani, lavoratori, pensionati e imprese, con particolare attenzione alle fasce più deboli della popolazione.

Serve, dunque, mettere a punto quelle modifiche necessarie per cambiare la riforma pensioni Fornero, per quella maggiore flessibilità e sostenibilità, cambiamenti che potrebbero partire dall’approvazione dei sistemi di uscita anticipata, anche se bisognerà trovare un accordo tra i diversi partiti tra i sistemi da approvare, considerando che, oltre agli ormai noti meccanismi di uscita a quota 100, a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni, sistema contributivo per tutti e prestito pensionistico, si spinge anche su quei piani, come part time e staffetta generazionale, ma anche prestito pensionistico.

La differenza su cui si batte è che questi ultimi, garantendo la possibilità di uscita anticipata su base volontaria ai lavoratori più anziani, non modificano requisiti anagrafici e contributivi oggi richiesti dalla riforma pensioni Fornero, il che significherebbe non intaccare l’impianto di questa legge capace di garantire 80 miliardi di euro di risparmi fino al 2021. Ma un piano positivo potrebbe essere anche quello di ricalcolo contributivo come proposto dal presidente Inps, Tito Boeri.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il