BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Imu Terreni agricoli: pagamento scadenza domani 10 Febbraio 2015 sospeso da numerosi Comuni per Tar e altri motivi

Manca solo qualche giorno alla scadenza del pagamento Imu sui terreni agricoli in programma il 10 febbraio: attese però nuove sentenze Tar. Si può anche non pagare




Manca solo qualche giorno alla scadenza del pagamento Imu sui terreni agricoli in programma il 10 febbraio. Per i tanti dubbi che si stanno creando, il decreto legge 4/2015 ha chiarito che esenzione dal pagamento dell’imposta riguarda tutti proprietari di terreni agricoli situati nei Comuni montani e nei Comuni parzialmente montani, se posseduti da coltivatori diretti e IAP nei Comuni.

Tutti gli altri proprietari di terreni agricoli dovranno invece pagare regolarmente. Per i terreni agricoli, l’Imu si calcola a partire dal reddito dominicale rivalutato del 25%, e al cui risultato deve essere applicato il coefficiente 75, se il proprietario ha la qualifica di coltivatore diretto o imprenditore agricolo professionale, o 135 per tutti gli altri casi.

Al valore ottenuto si applica l’aliquota del 7,6 per mille. In realtà si potrebbe anche non pagare martedì, considerando che si aspetta ancora la sentenza del Tar, che dovrebbe arrivare il prossimo 18 febbraio, ma ne è in programma un’altra ancora fissata per il 17 giugno. Chiaro, dunque, che potrebbero essere in tanti a sospendere per il momento il pagamento nell’attesa di novità, eventuali nuove proroghe o cancellazione del pagamento stesso.

E il mancato pagamento no n comporterebbe multe e sanzioni, considerando che, come riporta lo Statuto dei Contribuenti, nel caso di situazioni poco chiare si hanno 60 giorni di tempo in più per adempiere alla scadenza fiscale. Vista la confusione, molti comuni hanno già deciso di sospendere il pagamento almeno fino al prossimo mese di marzo e il consiglio per tutti gli interessati è quello di seguire sui siti istituzionali dei propri Comuni di residenza l’evolvere della situazione che è in costante cambiamento.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il