BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Bollo auto 2015: proroga Governo e nuovi interventi regioni per calcolo, esenzioni, detrazioni auto vecchie, epoca, storiche

Scaduto il termine di pagamento del bollo auto 2015 ma ancora caos su pagamento auto storiche e d’epoca: la situazione nelle diverse Regioni e richieste di proroga




Il termine di pagamento del bollo auto 2015 è già scaduto e chi non ha provveduto al pagamento in tempo dovrà farlo ora con le eventuali sanzioni previste in base al tempo di ritardo in cui si versa la tassa. In particolare, se si paga entro 14 giorni dalla data di scadenza, le sanzioni previste sono dello 0,2% sull'importo iniziale per ogni giorno di ritardo, se si paga dal 15esimo al 30esimo giorno del 3% che salgono al 3,33% in caso di ritardato pagamento dal 31esimo al 90esimo giorno, e al 3,75% se si paga dal 91esimo giorno fino allo scadere dei 12 mesi.

Se, dunque, in questa caso la situazione è piuttosto chiara, ciò per cui manca chiarezza è la questione del pagamento del bollo auto per le auto storiche. A scatenare confusione e discussioni la nuova norma della Legge di stabilità 2015 che ha cancellato l’esenzione dal bollo per le auto con più di vent’anni, lasciandola solo per quelle ultratrentennali, il che significa che tutte le auto da 20 a 29 anni dovrebbero pagare la tassa di possesso auto. Ma questa novità oltre a suscitare diverse proteste è anche stata oggetto di discussione nelle diverse Regioni e non tutte ne hanno accettato la sua ufficialità.

Alcune Regioni, infatti, come la Lombardia, continueranno a mantenere le esenzioni per le auto storiche ventennali non recependo, quindi, quanto riportato dalla nuova Legge di stabilità; in Emilia Romagna e Veneto l’esenzione resterà per le auto 20ennali iscritte a uno dei registri ASI, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI, previsti dall'articolo 60 del decreto legislativo n. 285 del 1992 e dal relativo regolamento attuativo. Il Piemonte, invece, ha deciso di prorogare il pagamento del bollo auto al prossimo 28 febbraio in attesa di chiarimenti ufficiali da parte del governo.

L'esenzione dal pagamento del bollo sarà mantenuta sulle auto 20ennali anche in altre Regioni come Toscana, provincia di Bolzano, provincia di Trento, Molise e Basilicata mentre Umbria, Valle D'Aosta, Friuli, Abruzzo, Liguria, Marche, Lazio, Campania, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna hanno recepito la novità della Legge di Stabilità, prevedendo l’esenzione solo per le auto con più di 30 anni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il