BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Samsung Galaxy S5 Android 5 aggiornamento no brand Italia: come funziona. Miglioramenti e problemi. Conviene o meno installare

L'aggiornamento di sistema operativo Android 5.0 Lollipop è arrivato anche in Italia per i modelli no brand del Samsung Galaxy S5.




Passi in avanti nella diffusione dell'aggiornamento Android 5.0 Lollipop per Samsung Galaxy S5 sul mercato italiano. A essere coinvolti sono questa volta i modelli no brand per cui l'upgrade è disponibile via OTA direttamente dallo smartphone. Nelle scorse settimane erano stato il turno delle versioni con logo 3 Italia o Vodafone. Entro la fine di questo mese il cerchio dovrebbe chiudersi con il rollout per le release Wind e Tim. Sebbene non ci siano comunicazioni ufficiali da parte dei due operatori telefonici, la strada è ormai tracciata. Resta da capire se conviene effettuare subito l'aggiornamento o aspettare ancora qualche giorno.

Il nostro consiglio è di aspettare prima di effettuare l'upgrade ad Android 5.0 Lollipop. E non solo per la necessità di prendere confidenza con i tanti cambiamenti introdotti con la nuova major release sviluppata da Google. Ma soprattutto per via dei piccoli e grandi problemi che il software porta inevitabilmente con sé. Occorre quindi capire se i casi di instabilità della connessione Wi-Fi, di calo della durata della batteria, di crash di alcune app e di perdita di fluidità generale ovvero di eccessiva lentezza nell'esperienza d'uso, lamentati nelle ultime ore, siano isolati o strutturali.

A ogni modo per verificare la disponibilità dell'upgrade di sistema operativo sul proprio terminale basta seguire il percorso Impostazioni > Info sul telefono > Aggiornamenti sistema. Il software approderà progressivamente anche sugli altri terminali del produttore asiatico, anche se non è da escludere che possa essere bypassato in favore dei più recenti upgrade correttivi. Non è un caso che Android 5.0.2 sia in fase di test per Samsung Galaxy S4, Samsung Galaxy Note 3, Samsung Galaxy Note 4, Samsung Galaxy Note Edge e Samsung Galaxy Alpha.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il