BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia, precoci, donne riforma Governo Renzi: novità, legge proroga contributivo non passa. Ennesimo passo indietro

Sono tante le difficoltà incontrate lungo il percorso della riforma pensioni, a partire da quelle delle coperture economiche.




Salta la possibilità di inserire la cosiddetta opzione donna nel decreto Milleproroghe nell'ambito della riforma pensioni Renzi. La novità della bocciatura dell'emendamento di Sel da parte della commissione Bilancio della Camera dei deputati rappresenta una doccia gelata per le lavoratrici che, in cambio della riduzione dell'importo dell'assegno perché calcolato con il metodo contributivo, immaginavano di congedarsi con i requisiti in vigore prima dell'introduzione della legge Fornero. Le ultime notizie riferiscono della possibile proposizione di una class action da parte del Comitato Opzione Donna.

Ma non si tratta dell'unica questione rimasta in sospeso. La più eclatante è quella dei cosiddetti quota 96 del mondo della scuola ovvero quei lavoratori che, nonostante il compimento di 61 anni d'età e il raggiungimento di 35 anni di contributi previsti dalla normativa di riferimento, non sono andati in pensione a causa dell'introduzione delle norme contenute nella riforma Fornero, che non hanno tenuto conto della peculiarità del calendario scolastico. Tutte le proposte presentate in questi ultimi anni sono stati respinti con la motivazione dell'assenza di copertura finanziaria.

Il nodo della riforma pensioni resta sempre quello economica. In questi ultimi giorni c'è però più ottimismo. Come spiegato dal ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan, "la Commissione europea ha riconosciuto l'efficacia delle misure adottate e la validità degli argomenti tecnici presentati a supporto delle proiezioni del governo". Il Mef ha inoltre ricordato che Bruxelles stima il ritorno alla crescita dopo tre anni di recessione. I sindacati però sono preoccupati per la disoccupazione, che dovrebbe continuare a salire. "Bisogna intervenire con politiche espansive", ha tuonata il segretario confederale della Cisl Maurizio Petriccioli.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il