BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni donne, anzianità,uomini riforma Governo Renzi: novità Eurogruppo G20 Grecia-Italia e piano ufficiale sindacati presentato

Le decisioni dell'Eurogruppo sulla crisi greca avranno ripercussioni anche in Italia nell'ambito della riforma pensioni Renzi. Novità e ultime notizie.




AGGIORNAMENTO: Ieri, i sindacati hanno presentato una serie di novità per la riforma delle pensioni e proposte che abbiamo visto in questo articolo.
Per quanto riguarda l'Eurogruppo (che continuerà in parte oggi), la riunione decisiva per la Grecia vi sarà lunedì prossimo. E visto che all'interno del piano di ristrutturazione del debito ci sono anche le pensioni, vi potrebbero essere, come abbiamo spiegato, conseguenze per l'Italia.

Quella di domani mercoledì 11 febbraio 2015 è una giornata decisiva per gli equilibri europea. Si terrà infatti la riunione dell'Eurogruppo per cercare una soluzione concreta alla crisi greca. Le conseguenze riguarderanno inevitabilmente tutta l'Unione, Italia compresa. In ballo c'è la gestione del debito pubblico con le sue ripercussioni sul percorso delle riforme. Lo scenario è ancora tutto da scrivere. Secondo Jean-Claude Juncker, presidente della Commissione europea, "non faremo in tempo a trovare un'intesa al vertice di domani. Non è aria di cedimenti alle richieste greche".

Il governo greco guidato da Alexis Tsipras chiede un accordo ponte sino a giugno per rinegoziare poi il debito e invoca un nuovo contratto sociale con l'Europa in grado di fermare deflazione e recessione. Secondo il capo dell'esecutivo ellenico, "c'è un interesse comune a superare questa crisi. Sono ottimista, arriveremo a un compromesso". Pier Carlo Padoan, ministro dell'Economia italiana, ostenta tranquillità: "Non ci sono rischi di contagio per l'Italia, il nostro debito è sostenibile. Prestito ponte per Atene? Se ne parlerà".

Il governo greco prova a svoltare con un drastico programma di cambiamenti: pensioni più alte per i poveri entro l'anno, stop ai pignoramenti di prime case, salario minimo portato a 751 euro entro il 2016, stessi diritti e salari per gli under 25, statali licenziati riammessi al lavoro. In ballo c'è anche il dimezzamento delle 7.500 auto blu, con riduzione dei costi per 700.000 euro. All'asta anche uno dei tre aerei del governo.

Altre misure sono la riduzione dello staff del premier e di un terzo la sua sicurezza, la lotta a corrotti e evasori, lo stop all'aumento dell'età per la pensione e alle privatizzazioni, il ripristino dei contratti collettivi, la patrimoniale sulle case di lusso, l'innalzamento della no tax area a 12.000 euro, la riapertura della TV pubblica.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il