BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni anzianità, donne, vecchiaia riforma Governo Renzi: novità proposte sindacati quota 100, contributivo, Mini Pensione

E’ in programma per domani 11 febbraio un nuovo incontro tra governo e sindacati per mettere a punto soluzioni condivise di intervento su riforma pensioni. Le novità possibili




Domani, mercoledì 11 febbraio, si terrà il nuovo incontro in programma tra governo e sindacati che verterà sulla questione riforma pensioni e novità necessarie. Come le ultime notizie riportano, si lavora su fronti diversi. O meglio, diversi sono i piani di lavoro su cui partiti e sindacati si stanno impegnando. E spaccature si registrano all'interno dei partiti stessi.

C'è chi, infatti, spinge per rendere il sistema pensionistico attuale più flessibile attraverso uno di quei meccanismi di uscita anticipata per tutti di cui si è discusso finora, come uscita a quota 100, uscita a 62 anni con 35 anni di contributi e penalizzazioni, come proposto da Cesare Damiano, estensione del sistema contributivo per tutti, e non solo per le donne, chi invece ritiene che si debba intervenire con modifiche che però non tocchino età e contributi previsti dalla legge Fornero.

E in questo senso agirebbero prestito pensionistico, proposto dal ministro Poletti e sostenuto dal sottosegretario Baretta, e part time e staffetta generazionale, di cui ha parlato lo stesso presidente dell'Inps, Tito Boeri, e per cui è stata presentata, solo qualche giorno fa, per la prima volta in Parlamento una proposta da parte del senatore Panizza.

C'è, dunque, la necessità di trovare un compromesso, in modo tale da agire tutti nella stessa direzione, e soluzioni condivise saranno quelle che domani dovranno cercare di mettere a punto governo e sindacati, in modo da capire come si possa davvero cambiare il sistema pensionistico, sostenendo chiaramente lavoratori e pensionati.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il