BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni, indulto, quota 96,controlli evasione fiscale,riforma indennitÓ disoccupazione, amnistia novitÓ oggi venerdý 13 Febbraio

Mentre si continua a discutere di questione previdenziale, continua il cammino dei decreti attuatiti del Josb Act e debutta la Superanagrafe. Le novitÓ




Mentre si continua a discutere di questione previdenziale e interventi necessari per correggere la riforma pensioni Fornero, il ministro Poletti conferma la mancanza di risorse, per cui servirebbero altri piani di cambiamento. E intanto continua il cammino dei decreti attuatiti del Josb Act, tra approvazioni e blocchi, mentre sta per debuttare la Superanagrafe dei conti degli italiani. Vediamo le novità.

Pensioni, quota 96: Mef e ministro del Lavoro Poletti hanno confermato nuovamente la mancanza di risorse finanziarie necessarie per intervenire sulle pensioni. difficile dunque che si possa modificare la legge attuale abbassando l’età pensionabile con piani di uscita anticipata per tutti, ma si potrebbero ricavare nuove risorse attraverso interventi già proposti, come il ricalcolo contributivo del presidente dell’Inps Boeri, che permetterebbe di accumulare nuovi risparmi attraverso un prelievo di solidarietà da applicare alle pensioni più alte calcolate, in parte, con vecchio sistema retributivo, o quel piano di tagli del premier Renzi che prevede modifiche alle baby pensioni e alle pensioni di invalidità e reversibilità. Si tratta di meccanismi che non solo garantirebbero nuove risorse da impiegare comunque nelle pensioni, ma che contribuirebbero a rendere il sistema pensionistico attuale più equo, eliminando le ‘pazzesche iniquità’ ammesse dal presidente Boeri. Ed è stato lui stesso ad annunciare l’intenzione di voler risolvere definitivamente la questione dei quota 96 della scuola ancora in attesa di pensione, dopo tre anni dal raggiungimento dei requisiti pensionistici necessari, sbloccando una serie di risorse. Vedremo come si evolverà la situazione nelle prossime settimane.

Indulto e Amnistia: Settimane interessanti anche quelle che interesseranno le discussioni sulle misure di indulto e amnistia, soprattutto dopo il primo incontro che il leader dei Radicali, Marco Pannella, ha avuto con il neo Presidente della Repubblica Mattarella. Pur non avendo esplicitamente espresso la sua posizione in merito, sembra che il neo Presidente appoggi le misure di clemenza. Del resto, nonostante il ministro della Giustizia continui a dire che l’emergenza carceraria non esiste più, in realtà non è poi proprio così e arrivano ancora denunce di detenuti costretti a vivere nelle celle in condizioni drammatiche. E dopo i provvedimenti di sconto pena e risarcimenti economici del decreto svuota carceri 2014 hanno contribuito a diminuire il sovraffollamento, in arrivo nuovi provvedimenti singoli di diverse regioni che stanno definendo precorsi alternativi di riabilitazione per i detenuti con problemi di tossicodipendenza.

Controlli Evasione fiscale: Arriva la Superanagrafe dei conti correnti che controllerà ogni singolo movimento bancario di tutti gli italiani. Entro il 28 febbraio banche, compagnie di assicurazioni, intermediari dovranno trasmettere all’Agenzia delle Entrate ogni informazione sui movimenti di conti corrente, conti depositi, fondi pensione, carte di credito, acquisti d’oro e di preziosi, accessi alle cassette di sicurezza relativi al 2013. I dati relativi al 2014 potranno essere inviati fino al prossimo 29 maggio. Le informazioni che dovranno essere trasmesse su ogni correntista riguarderanno saldo contabile a inizio e a fine anno, importo totale degli accrediti effettuati, addebiti nello stesso anno, ma anche entità e movimenti di conti deposito di titoli e obbligazioni, fondi, e delle carte di credito e debito. Sotto controllo anche cassette di sicurezza, operazioni extra conto, e di compravendita di oro e metalli preziosi avvenute nel 2013 e 2014.

Riforma indennità disoccupazione: Mentre continua il cammino del decreto attuativo per rendere operativo il nuovo contratto a tutele crescenti, sembra ci sia una battuta d'arresto sul decreto sugli ammortizzatori sociali. Il problema deriva dal fatto che per finanziare i nuovi sussidii di disoccupazione Naspi, AsDi (nuovo assegno di disoccupazione), e Dis-Coll (per gli ex co.co,co), il governo ha previsto nella Legge di Stabilità risorse per 2,2 miliardi nel 2015 e 2016 e 2 miliardi per il 2017, limite che non dovrebbe esserci perché potrebbe essere più amplia di quanto previsto la platea di coloro che chiederanno accesso ai nuovi sussidi di disoccupazione. Per assicurare a tutti l’accesso ai nuovi ammortizzatori servirebbe una clausola di salvaguardia che garantisca l’erogazione del sussidio anche nel caso in cui fossero esaurite le risorse stanziate.

Disoccupati 2016: assegno, indennitÓ, agevolazioni. Debutta il nuovo assegno di disoccupazione nel 2016, vediamo quali sono le caratteristiche, a chi Ŕ rivolto e come funziona

Ti Ŕ piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il