BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: calcolo INPS assegno 2015 con regole nuove indicate da ultime circolari

Nessun aumento delle pensioni per il 2015 a causa della rivalutazione negativa: la situazione attuale e cosa si prevede? Calcoli possibili




Non cambierà nulla per questo 2015 per quanto riguarda il requisito di accesso alla pensione, per cui saranno sempre in vigore le stesse regole della riforma pensioni Fornero. si andrà cioè in pensione a 66 ani e tre mesi di età per tutti, con 42 anni e sei mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e sei mesi di contributiv per le donne. Il primo scatto previsto dalla riforma pensioni Fornero, per adeguamento all'aspettativa di vita Istat, vi verificherà solo dal primo gennaio 2016 quando letà per andare in pensione salirà di quattro mesi e si andrà in pensione a 66 anni e sette mesi.

Si attendevano novità per quanto riguarda l'aumento del valore degli assegni pensionistici ma le ultime notizie in merito non sono certo confortanti, visto che in questi primi mesi di gennaio e febbraio 2015 hanno subito una svalutazione, come si prevedeva, per effeto dell'andamento negativo del Pil. Inoltre, tanti dstanno anche restituendo quanto percepito in più nel 2014.

Sulla questione della rivalutazione negativa delle pensioni si attendevano nuovi provvedimenti nella Legge di Stabilità 2015, misure che come chiaro non sono state previste ed è sempre più caos pensioni. La necessità ora è quella, oltre che di intervenire con sistemi di uscita anticipata per tutti, per rendere più flessibile il sistema pensionistico attuale, anche sul valore degli assegni pensionistici mensili. Troppo bassi in Italia, come dichiarato anche dall'Ocse.

Sono tantissimi i pensionati italiani che vivono con meno di mille euro al mese, circa due milioni coloro che vivono anche con meno di 500 euro al mese, motivo per il quale anche i sindacati nei loro incontri di ieri con il governo Renzi hanno chiesto l'estensione di un bonus di mille euro all'anno a tutti i contribuenti, lavoratori autonomi, dipendenti, pensionati che hanno un reddito individuale fino a 40mila.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il