BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: proposte legge, emendamenti respinti e dichiarazioni negative. Sembra cambiata aria

Solo interventi negativi su riforma pensioni Fornero in quest’ultima settimana: quali ancora le speranze di cambiamento reale?




Se fino a qualche tempo fa erano tante le speranze positive di riuscire a modificare la riforma pensioni Fornero, speranze sostenute dai tanti annunci che si susseguivano su proposte di cambiamenti e impegno del governo, le novità e ultime notizie di questa settimana non sono invece così positive. Anzi, l’ottimismo che regnava fino a qualche giorno fa sembra svanito. E ad aprire qualche spiraglio solo il ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, che, pur confermando mancanza di risorse economiche necessarie, ha comunque annunciato una revisione a 360 gradi della questione previdenziale.

Nel frattempo, però, il ministro Madia ritiene che questione previdenziale e questione dei quota 96 della scuola non sono prioritarie rispetto alle misure della riforma del lavoro, il ministro Padoan ha, per l’ennesima volta, ribadito la sua contrarietà a modificare la riforma pensioni Fornero, l’unica capace di garantire sostenibilità economica all’Italia e che ha reso, tra l’altro, il nostro sistema pensionistico tra i più forti d’Europa e sono state diverse le decisioni negative degli ultimi giorni.

E’ stato, infatti, bocciato l’emendamento di Sel al decreto Milleproroghe che chiedeva la proroga fino al 31 dicembre 2016 dell’opzione contributivo donna; è stata bloccata la proposta di uscita con staffetta generazionale, che avrebbe garantito anche un rilancio dell’occupazione giovanile; ed è rimasta a metà la questione dei quota 96 della scuola.

Sembra, infatti, che sia stato concesso il pensionamento solo a mille dei 4mila interessati, lasciando dunque fuori dalla salvaguardia ben 3mila lavoratori della scuola, tra docenti e personale Ata. E la soluzione per loro potrebbe slittare ancora di un bel po’ considerando che la Madia non lo considera un intervento prioritario, come detto.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il