BusinessOnline - Il portale per i decision maker








50 Sfumature di Grigio film: potrebbero deludere in tanti le tanto attese scene bollenti

Chi si presenta al cinema convinto di vedere un film hard potrebbe rimanere deluso, il sesso in 50 sfumature di grigio c’e’ ma rimane sullo sfondo di quella che è in verità è una storia d’amore.




Una delle differenze fondamentali tra leggere un libro e vederne il riadattamento cinematografico è soprattutto quella che il lettore del libro può dare libero sfogo all'immaginazione, mentre lo spettatore il più delle volte si limita a guardare, quanto proposto dal regista, e questa differenza nel riadattamento di un volume erotico con connotazioni hard, è una differenza fondamentale.

Le scene di sesso presenti in 50 sfumature di grigio, film apparso in tutto il mondo il 12 febbraio, evidenziano questa particolarità rendendola palese, e forse deludendo, soprattutto chi si aspettava di vedere un film, con scene di sesso esplicite e particolareggiate.

La trasposizione cinematografica, di quello che è stato un successo letterario senza precedenti, contempla una buona dose di sesso, ma mai questo viene esplicitato allo spettatore, e non viene fatto perché il film fondamentalmente è una pellicola erotica e non prettamente pornografica.

D’altronde il viatico per la mancanza di sesso esplicito era presumibile, viste le polemiche che nei giorni scorsi aveva portato alla decisione di pubblicizzare, il film su tutti i canali televisivi, pubblicità che era apparsa in USA anche durante la seguitissima finale del Super Bowl. Questa decisione da sola faceva capire come il film non sia un porno vero e proprio, ma può essere classificato come film erotico.

I produttori hanno dichiarato in più occasioni inoltre, come non sia loro intenzione offendere chicchessia con scene spinte al limite, e la lavorazione è stata fatta di certo in ossequio alla trama del libro, ma con una connotazione che sonda prevalentemente la psicologia dei protagonisti, e tralascia gli aspetti più strettamente sessuali.

Alla prima di Berlino la stampa ha notato questa impostazione, e i giudizi unanimi sono stati che più che vedere, il sesso viene lasciato sullo sfondo, ed è soprattutto per questo che lo spettatore non deve attendersi scene hard al limite, ma deve immedesimarsi in quella che alla fine è una storia d’amore nata da una relazione sessuale.

Le scene più spinte sono sempre accennate, non si vedrà l'atto sessuale in se, non ci saranno primi piani particolareggiati, ma il tutto rimane nell'area con lo scopo di permeare di erotismo il film, e alla fine toccherà allo spettatore lavorare con la sua infinita immaginazione.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il