BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Certificazione Unica 2015 e 730 2015 precompilato: semplificazioni richieste dopo proroga parziale.Tanti dubbi e punti da chiarire

Proroghe presentazione Cu 2015 ma ancora richieste di semplificazione per modalità precompilazione modelli 730 e 770. Nella Cu più dati rispetto al vecchio Cud




L’Agenzia delle Entrate solo qualche giorno fa ha reso nota una nuova circolare con cui proroga i tempi di presentazione della nuova Certificazione Unica 2015, o meglio, in risposta alle richieste di sostituti di imposta e Consulenti del Lavoro, le Entrate hanno concesso più tempo per l’invio dei dati che serviranno per predisporre poi il modello 730 precompilato, che inizierà ad essere inviato ai contribuenti dal prossimo 15 aprile, e il 770 2015. I termini di presentazione della nuova Cu sono i seguenti: 28 febbraio ai lavoratori e 9 marzo all’Agenzia delle Entrate.

Ma, come precisato dalle Entrate, Consulenti del Lavoro, Caf e commercialisti potranno decidere, in base al tempo a loro disposizione, se compilare o meno la sezione dedicata ai dati Inail e se inviare o meno le certificazioni con solo redditi esenti e le certificazioni contenenti solo redditi non dichiarabili con il 730 potranno essere inviate oltre la scadenza senza per questo prevedere alcuna sanzione.

Le certificazioni contenenti redditi non dichiarabili con il 730, come i redditi di lavoro autonomo non occasionale, potranno essere inviate anche oltre la scadenza del 9 marzo e non si incorrerà in multe o sanzioni in caso di ritardo. La Certificazione Unica 2015, infatti, rispetto al vecchio Cud si arricchisce di molti campi in più da compilare e deve essere presentata non solo da lavoratori dipendenti ma anche da chi ha corrisposto nel 2014 contributi previdenziali e assistenziali dovuti all’Inps e all’Inps Gestione Dipendenti Pubblici e/o premi assicurativi dovuti all’Inail e deve riportare tutti i propri dati e quelli del coniuge e di altri familiari a carico, il grado di parentela, il codice fiscale,  percentuali di detrazioni spettanti e presenza di eventuali minori di tre anni.

Novità anche per quanto riguarda le certificazioni miste, che comprendono sia redditi di lavoro dipendente sia redditi di lavoro autonomo non occasionale, in tal caso potranno essere inviate in due tempo. L’invio dei redditi di lavoro dipendente deve essere trasmesso entro i termini previsti, vale a dire il 9 marzo, per i redditi di lavoro autonomo non occasionale, si potrà procedere anche un invio tardivo, sempre senza alcune sanzione. Nonostante le proroghe concesse la richiesta che ancora arrivi dai professionisti abilitati è quella di rendere più semplice comunque le modalità di compilazione dati per 730 e 770.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il