BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Tassa contanti, detrazioni e agevolazioni Governo Renzi allo studio già indicata da la Voce.info di cui Boeri è fondatore

Si prepara a debuttare una nuova imposta che bisognerà versare alla banca non solo quando si preleva ma anche quando si versano contanti: non è in realtà una novità




Si prepara a debuttare una nuova imposta che bisognerà versare alla banca non solo quando si preleva ma anche quando si versano contanti per somme superiori ai 200 euro. A prevederlo tra le sue nuove misure, il prossimo decreto fiscale del governo Renzi in discussione venerdì prossimo 20 febbraio in Consiglio dei Ministri. Il calcolo e versamento di questa nuova tassa scatterà se la cifra da depositare sarà superiore ai 200 euro. Si tratta di una novità che a giorni sarà presentata dal governo ma di cui si era già parlato e non limitandosi solo all’applicazione di questa nuova tassa ma con l’auspicio che venisse affiancata da sconti e detrazioni per commercianti e consumatori che hanno aderito all’obbligo di uso del Pos per i pagamenti.

La misura contenuta nel nuovo decreto fiscale del governo Renzi non prevede, tuttavia, tali agevolazioni. Per contrastare l’evasione ma, allo stesso tempo, andare incontro a piccoli commercianti o liberi professionisti in generale, l’idea era quella di incentivare la richiesta della ricevuta che avrebbe dovuto essere accompagnata, appunto, da una serie di deduzioni e detrazioni che avrebbero compensato i pagamenti più alti.

La situazione appare dunque piuttosto negativa per tutti: da una parte l’obbligo di uso del Pos, con tutti i costi aggiuntivi che prevede, scoraggia commercianti, liberi professionisti e consumatori da una parte, dall’altra anche l’uso dei contanti, su cui i consumatori pagano commissioni al momento del prelievo, e su cui dovranno anche pagare coloro che decideranno di versali in banca, non agevola né lavoratori contribuenti né consumatori. In ogni caso ad essere penalizzati ancora una volta sarebbero i contribuenti normali e probabilmente questa volta non ci staranno.

Vediamo di seguito cosa riportava la Voce, tra cui fondatori annovera lo stesso neo presidente dell'Inps, Tito Boeri, già l’anno scorso:

http://www.lavoce.info/archives/31716/tassa-sulluso-contante-per-combattere-levasione/

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il