BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni Governo Renzi riforma ultime notizie: per tutti segnali importanti attesi oggi venerdì Consiglio Ministri Governo Renzi

Quali saranno le decisioni del prossimo Consiglio dei Ministri in programma oggi venerdì prossimo 20 febbraio e come potrebbero influire su riforma pensioni: le novità




Ci si prepara con grande curiosità a capire quali saranno le decisioni del prossimo Consiglio dei Ministri in programma oggi venerdì 20 febbraio 2015. Potrebbe essere uno degli appuntamenti importanti, insieme al Milleproroghe che dovrà essere presentato entro il prossimo 2 marzo, per capire se ci saranno margini di intervento anche sulla riforma pensioni. Sarà importante, infatti, capire quali e se ci saranno le auspicate correzioni a nuovo regime dei minimi e Partite Iva, con ritorno al vecchio regime dei minimi, nonchè delle aliquote contributive Inps per gli iscritti alla gestione separata. La legge di Stabilità 2015 le ha aumentate dal 27 al 33%.

Si tratta di interventi che potrebbero rivelarsi cruciali per modificare le pensioni, dopo le novità e ultime notizie della bocciatura dell’emendamento di Sel al Milleproroghe per il rinvio al 31 dicembre 2016 dell’opzione contributivo donna e del primo stop alla proposta di staffetta generazionale. Secondo molti, però, punto di partenza per correggere la legge Fornero è quella di approvare piani di tagli e di ricalcolo contributivo per tutti, secondo quanto proposto dal presidente dell’Inps Boeri, che permetterebbero innanzitutto di recuperare quella risorse necessarie che servono per l’attuazione di altre modifiche e che, come hanno confermato solo qualche giorno fa Mef e ministro del Lavoro Poletti, l’Italia ora non ha.

Non disporre di risorse economiche significa anche non aver possibilità di lavorare come si vorrebbe, ecco perché prima di pensare a quale sia il migliore sistema di uscita anticipata capace di garantire maggiore flessibilità per tutti, sarebbe meglio mettere da parte quei risparmi che certamente farebbero comodo. Altro passo importante da compiere è quello di un compromesso tra i diversi partiti sulle modifiche realmente da attuare.

E bisogna anche considerare che, mentre il ministro dell’Economia Padoan parla di possibilità di dietrofront sul nuovo regime dei minimi, aprendo spiragli positivi a coloro che vogliono aprire nuove partite Iva accedendo ad un regime fiscale che risulti effettivamente agevolato, sostenendo così il mercato del lavoro,lo stesso Padoan chiude a interventi sulle pensioni, ribadendo che bisogna lasciare la legge Fornero così com’ perché in Italia i tempi non sono ancora tanto maturi da approvare un abbassamento dell’età pensionabile per tutti.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il