BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Partita Iva 2015: contributi, tassazione, aliquote, condizioni, nuovo regime dei minimi. Novità Consiglio Ministri Governo Renzi

Si preannunciano importanti novità per le Partite Iva per l'anno 2015. In particolare il Consiglio dei Ministri del 20 febbraio discuterà di alcune importanti novità.




In particolare il Governo sta prendendo in considerazione l'ipotesi di reintrodurre il regime dei minimi precedente, che prevede un'imposta del 5% sui ricavi che arrivano alla cifra massima di 30 mila euro, e non ci saranno vincoli di tempo, o vincoli legati all'età. Naturalmente le partite Iva sperano che questo provvedimento vada a buon fine, perché la tassazione che si voleva introdurre (15% sui guadagni che andavano dai 15 a 40 mila euro), è considerata davvero troppo elevata, e metterebbe in grave difficoltà i soggetti in possesso di partita Iva. Si preannunciano novità anche per quando riguarda i contributi che vanno a versare i soggetti che hanno la partita Iva. In particolare si prevede che l'aliquota contributiva deve essere aumentata fino al 30,72%.

Questo è solo l'inizio, perché il progetto completo prevede che questa aliquota arrivi a raggiungere il 33,72% entro l'anno 2018. Una decisione assurda, che tuttavia potrebbe essere rivista. Infatti, sempre nel CDM del 20, si cercherà una soluzione ponte, nel senso che si proverà a prorogare l'applicazione della vecchia aliquota, prevista sul 27,72%. Alcuni rappresentanti delle partite Iva sono molto pessimisti: infatti le casse dell'Inps sono in una situazione davvero molto critica, e l'innalzamento dell'aliquota contributiva delle partite Iva avrebbe permesso di migliorare la situazione dei conti, per questo alcuni credono che alla fine il Governo non interverrà su questo punto.

Una situazione davvero molto difficile per le partite Iva, che dall'inizio della crisi hanno perso tantissimo potere d'aquisto,e che a differenza di altre categorie di lavoratori, non sono neanche stati tutelati con il famoso bonus di 80 euro. Si spera presto che il Governo si ricordi anche di loro.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il