BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Pensioni vecchiaia e anzianità Governo Renzi: riforma, novità per tutti significative da Consiglio dei Ministri oggi venerdì

Il Consiglio dei ministri di domani varerà nuove misure sulle aliquote forfettaria e contributiva Inps delle partite Iva 2015.




C'è attesa intorno al Consiglio dei ministri di domani venerdì 20 febbraio. Difficilmente ci saranno novità dirette sulla riforma pensioni Renzi, ma come riferiscono le ultime notizie, sono previste misure sul welfare che avranno conseguenze decisive per i lavoratori anche in ambito previdenziale. Il ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, Giuliano Poletti, ha illustrato l'orientamento della sua azione, ieri, alle parti sociali ovvero industriali e organizzazioni sindacali. Ecco allora che è stato annunciato l'addio alle nuove collaborazioni a progetto, mentre per quelle esistenti si gestirà la transizione.

Parte da qui il riordino delle tipologie contrattuali, verso il Codice dei contratti in attuazione del Jobs Act e che prevederà anche l'eliminazione dell'associazione in partecipazione (contratto usato soprattutto per le commesse) e la rimodulazione delle regole per le partite Iva. Sotto quest'ultimo punto di vista, quelle che guadagnano fino a 30.000 euro potranno scegliere per tutto l'anno in corso tra il nuovo regime dei minimi (previsto nella legge di stabilità) con l'aliquota forfettaria al 15%, e il vecchio regime al 5%, con il limite fino a 5 anni o al raggiungimento del 35esimo anno d'età.

Di più: è stato bloccato al 27,72% l'aumento previsto dell'aliquota contributiva Inps per le partite Iva. In questo contesto si segnala come nel decreto Milleproroghe non ha trovato spazio l'emendamento di Sel per l'estensione al 31 dicembre 2016 dell'opzione donna ovvero della possibilità per le lavoratrici di ritirarsi con il sistema di calcolo contributivo, meno vantaggioso dal punto di vista economico, ma più interessante da quello anagrafico. E si resta ancora in attesa dell'insediamento di Tito Boeri alla presidenza dell'Inps, rispetto al quale ci sarebbero ancora resistenze parlamentari.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il