BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Certificazione Unica, Isee 2015, bollo auto storiche e altri modelli, 730 2015 precompilato: richieste soluzioni per problemi

Tutte le novità e le difficoltà di compilazione dei nuovi modelli fiscali 2015. Ancora confusione regioni sul pagamento del bollo auto storiche




Si avvicinano i primi termini di presentazione dei nuovi modelli fiscali, tra Certificazione Unica e nuovo Isee ma ancora Consulenti del Lavoro e altri professionisti abiltati lamentano problemi e difficoltà. Caos anche per quanto riguarda il pagamento del bollo sulle cosiddette auto storiche, per cui si attendono ancora chiarimenti.

Certificazione Unica 2015 e Modello 730 precompilato: Nonostante l’Agenzia delle Entrate abbia concesso una proroga per la presentazione della nuova Cu 2015 i cui dati non sono essenziali per la predisposizione del Modello 730 precompilato, l’Ancl, il sindacato unitario dei consulenti del lavoro, confermato lo stato di agitazione, che lo aveva portato dichiarare il primo sciopero tra il 7 e il 14 marzo, a causa delle difficoltà che ancora emergono. Chiariamo che, a differenza del vecchio Cud, la Cu viene inviata non solo a lavoratori dipendenti o pensionati ma anche ai lavoratori autonomi che presentano il modello Unico per la dichiarazione dei redditi. Per entrambe,bisogna compilare la categoria corrispondente allo stato del contribuente, inserendo, oltre ai classici dati anagrafici del contribuente, anche ritenute, acconti del dichiarante e del coniuge, crediti non rimborsati, oneri detraibili o deducibili, previdenza complementare e via dicendo. E proprio per questa moltitudine di dati in più da inserire rispetto al vecchio Cud, le Entrate hanno permesso l’invio delle certificazioni contenenti i dati principali e redditi esclusivamente non dichiarabili con il 730 in ritardo rispetto alla scadenza del 7 marzo e senza incorrere in multe e sanzioni. Il presidente nazionale Ancl-Su Longobardi ha spiegato che tale stato di agitazione permane perché “rimane da verificare l’evoluzione della posizione dell’Agenzia rispetto al resto delle Certificazioni Uniche e ai ristretti tempi di compilazione in caso di conguaglio fiscale effettuato nel mese di febbraio. Questo è un altro dei motivi per quali invitiamo l’Agenzia delle Entrate e il governo ad ascoltare le ragioni della nostra protesta, e individuare la nostra categoria come il migliore e maggiore partner per la gestione dell’operazione 730 precompilato”.

Bollo Auto 2015: Continua il balletto delle Regioni su decisioni di pagamento o meno del bollo auto sulle cosiddette auto storiche con più di 20 o 30. La confusione deriva dal fatto che la nuova Legge di Stabilità ha cancellato l’esenzione dal bollo per le auto 20annali stabilendola solo per quelle con più di 30 anni. Ma, a differenza di regioni come Basilicata, Campania, Lazio, Molise, Puglia, Provincia autonoma di Trento e Valle d’Aosta, che hanno recepito la novità, la Lombardia ha deciso di mantenere l’esenzione per le auto 20ennali, Emilia Romagna e Veneto hanno deciso che l’esenzione resterà per le auto 20ennali iscritte a uno dei registri ASI, Storico Lancia, Italiano Fiat, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI; il Piemonte si pagherà il bollo ridotto sulle auto storiche ultraventennali. E anche Calabria, Liguria e Umbria si preparano a confermare l’esenzione per le auto 20ennali.

Isee 2015: Banche in difficoltà con le richieste di definizione della giacenza media dei conti correnti necessaria per coloro che richiedono l'Isee 2015. Da quest’anno infatti non deve essere più dichiarato il saldo finale, che agevolava i furbetti del fisco, ma la giacenza media annua. La buona notizia, considerando le difficoltà che Caf e Consulenti del Lavoro stanno incontrando nell’inserimento dei tanti dati richiesti, è la decisione del Tar del Lazio che ha accolto il ricorso presentato dai familiari dei disabili contro la norma che voleva considerare nel calcolo Isee anche i contributi ricevuti a fine assistenziale, come le pensioni di invalidità e le indennità di accompagnamento, erogate alle famiglie con disabili e considerata una vera e propria ingiustizia.

Certificazione Unica 2016. Come scaricare, ricevera la CU 2015 (ex CUD). I 4 modelli differenti, come approtare le modifiche e aggiungere detrazioni.

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Chiara Compagnucci
pubblicato il