Nuovi contratti, assegno disoccupazione, indennità, partita iva: misure ufficiali Governo Renzi 2015 senza modifiche fiscali

Misure e novità ufficiali approvate ieri nel consiglio dei Ministri di venerdì 20 Febbraio del Governo Renzi. Rimandate le modifiche fiscali.

Nuovi contratti, assegno disoccupazione,


AGGIORNAMENTO: Nessuna novità per quanto riguarda la tassa sul contante, lo scontrino e le fatture elettroniche o il catasto che abbiamo spiegato qui di sotto. Vi saranno in un prossimo Consiglio dei Minsitri. Novità e misure ufficiali, invece, per quato riguarda la riforma del lavoro con nuovi contratti, l'abolizione e la cancellazione dei Co.Co.Co e Co.Co.Pro e nuove indennità disoccupazione e assegni come abbiamo visto in questo articolo

Le novità fiscali in discussione domani in Consiglio dei Ministri tra nuova tassa per versamenti in contanti in banca, fatture elettroniche e nuovi scontrini. Cosa potrebbe cambiare

Nuova tassa versamenti contanti: Il Consiglio dei Ministri di domani 20 febbraio potrebbe dare il via a una nuova tassa sul versamento di contanti in banca. La nuova imposta dovrebbe riguardare i versamenti giornalieri superiori ai 200 euro e finirà per ingrossare le casse delle banche, mettendo, però, in difficoltà i piccoli commercianti, motivo per cui è stata definita positiva per banche ma anche Stato, a discapito, però, di coloro che lavorano per ottenere entrate dignitose. Si tratta tuttavia di una novità che servirà a garantire una maggiore tracciabilità come nuovo strumento da utilizzare per contrastare l’evasione fiscale. Alcuni esperti, però, ritengono che possa diventare una misura che porti investimenti all’estero.

Scontrino e fatture elettroniche: In arrivo nuove norme per l'introduzione dello scontrino elettronico, che tracciano la strada per il superamento dal 2017 dello scontrino fiscale da rilasciare ai clienti, e anche le e-fatture, non solo per i fornitori della Pa ma anche per professionisti e imprese. Con i decreti di attuazione delle delega fiscale che approdano al consiglio dei ministri di venerdì il governo punta ad una massiccia informatizzazione degli adempimenti fiscali. L’obbligo di invio delle fatture elettroniche è fissato al primo gennaio 2017.

Pos obbligatorio: Al via obbligo e sanzioni per commercianti e liberi professionisti dotati o meno di Pos per permettere ai propri clienti pagamenti tracciabili. L’obbligo di POS per professionisti, esercenti, artigiani e commercianti è entrato in vigore lo scorso giugno per pagamenti di importo superiore a 30 euro ma non erano in vigore le sanzioni che però d’ora in poi diventeranno obbligatorie. Il governo sta pensando a favorire l’erogazione di un credito d’imposta da utilizzare in sede di compensazione fiscale, specie per le attività più ridotte ed esposte al rischio del cambiamento.

Vuoi rimanere aggiornato su argomenti simili?

Inserisci la tua email qui:

Accetto la Privacy Policy

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione



Commenta la notizia
di Chiara Compagnucci pubblicato il