BusinessOnline - Il portale per i decision maker








Disoccupati, disoccupaziome assegno, indennità 2015 e contratti nuovo lavoro: per chi,quando e come.Novità Governo Renzi ufficiali

Il Jobs Act del Governo Renzi sta rivoluzionando le regole del mercato del lavoro. In particolare verranno introdotti nuovi contratti di lavoro e nuove forme di indennità di disoccupazione.




Innanzitutto la riforma del lavoro va ad introdurre il contratto a tutele crescenti: cioè un contratto a tempo indeterminato, che prevede un notevole risparmio del livello di contributi che l'imprenditore deve versare, e questo regime favorevole durerà per circa tre anni. L'obiettivo del Governo è quello di scoraggiare l'assunzione a tempo determinato, e di incentivare quella a tempo indeterminato. Anche per questo saranno cancellati i contratti a progetto e i Co.Co.Co. Inoltre dal Jobs Act è previsto che i contratti a termine durino massimo tre anni, e poi ci debba essere l'assunzione a tempo indeterminato del lavoratore.

Oltre alle forme contrattuali, il Jobs Act si occupa anche dell'introduzione di nuove indennità per i disoccupati. A partire dal 1° Maggio, i soggetti disoccupati, che prima lavoravano in un'azienda con oltre 15 dipendenti, avranno diritto alla Naspi. Questa indennità durerà massimo un anno e mezzo, e garantirà una somma pari al 75% di ciò che si percepiva quando si lavorava. Se una volta scaduta la Naspi, il soggetto non riesce a trovare lavoro, può usufruire, pe altri 6 mesi, dell'Asdi, e questo assegno avrà lo stesso importo che garantiva la Naspi.

Chi invece era impiegato con una forma contrattuale precaria (CO.Co.Co o Co.Co.Pro) potrà avere diritto all'iondenità denominata Dis-Coll. E' la grande novità del Jobs Act, infatti vengono garantite anche a queste categorie di lavoratori un sussidio, cosa che invece prima non accadeva. Per aver diritto al Dis-Col bisogna aver ottenuto contributi per almeno tre mesi nell'anno precedente, o almeno un mese in questo anno.

Infine per i disoccupati è stata introdotta anche la social card: uno strumento che funziona come un bancomat che permette di fare la spesa, pagare le bollette ed usufruire di tanti altri servizi. L'importo presente sulla carta può andare da un minimo di 231 euro ad un massimo di 404 euro (la somma varia al variare del numero di persone presenti in famiglia). Ne hanno diritto solo i disoccupati che hanno una famiglia a carico.

Disoccupati 2016: assegno, indennità, agevolazioni. Debutta il nuovo assegno di disoccupazione nel 2016, vediamo quali sono le caratteristiche, a chi è rivolto e come funziona

Ti è piaciuto questo articolo?




Commenta la notizia



Autore: Marianna Quatraro
pubblicato il